Come lasciarsi andare completamente in questa estate 2014, anche nella passione, senza correre rischi? La Società italiana della contraccezione (Sic) ha stilato dieci regole d’oro per evitare gravidanze indesiderate o la trasmissione di malattie. Una vera e propria guida per il sesso sicuro, insomma.

L’estate, d’altronde, è unanimamente riconosciuta come la stagione degli amori. Soprattutto di quelli veloci che, però, possono lasciare strascichi. Annibale Volpe, past president di Sic, spiega: “Abbiamo voluto stilare una guida pratica, destinata sia alle donne sia agli uomini, per rintracciare in maniera chiara e veloce informazioni utili sulla contraccezione”. Un bignami che si può comodamente tenere in tasca e portare in viaggio.

La prima regola, se non si conosce il partner, è usare il preservativo. “I profilattici resistono per sette giorni a 70° C, ma meglio non sfidare la sorte nei giorni più caldi ed evitare di custodire i condom nel cruscotto dell’auto o dentro il portafogli”.

Se si usano le pillole, meglio non lasciarle al caldo. Se si viaggia in aereo, portare la confezione con sé nel bagaglio a mano. Se si assume un contraccettivo ormonale e si è diretti dall’altra parte del mondo, si può stare al sole e al mare senza problemi, ma con un occhio all’orologio, rigorosamente settato sul fuso orario italiano.

Se si va all’estero, è essenziale conoscere il nome del principio attivo contenuto nel contraccettivo ormonale che si è soliti assumere. Il nome commerciale può variare di Paese in Paese, il componente no. Se si teme una gravidanza, si può ricorrere alla contraccezione d’emergenza, richiedibile nei consultori e negli ospedali. Se si viene colti da attacchi di vomito o di diarrea entro quattro ore dall’assunzione del contraccettivo ormonale, bisogna assumere subito un’altra pillola senza spaventarsi.

La pillola non causa micosi. Si può vivere liberamente la vacanza evitando la sindrome premestruale, assumendo in modo più prolungato la pillola. Non sono mai state rilevate interazioni tra l’alcol e i contraccettivi normali: basta non esagerare con il primo. Attenzione, invece, ad alcuni farmaci: antiepilettici, alcuni antibiotici (rifampicina), alcuni antifungini e l’iperico possono ridurre gli effetti contraccettivi della pillola.