L’hula hoop è da sempre uno degli attrezzi ludici più amati da grandi e piccini. Solitamente utilizzato dai bambini per divertirsi da soli o in compagnia, o dagli artisti durante gli spettacoli circensi, costituisce in realtà anche un ottimo strumento da utilizzare in palestra per sviluppare la muscolatura di gran parte del nostro corpo, con particolare attenzione al girovita, ma anche per bruciare i grassi.

Come si usa l’hula hoop

L’azione base che si svolge con l’hula hoop consiste nel calzarlo e farlo ruotare costantemente attorno al bacino; le prime volte non sarà particolarmente facile sostenere e a fare girare al meglio il cerchio, ma non arrendetevi, con tanto allenamento riuscirete a muoverlo con estrema facilità. Il segreto per riuscire a giocarci a lungo è tutto nelle oscillazioni del tronco, con spinte che partono dai glutei. Inutile sottolineare che, se utilizzato con costanza, regala un lato B perfettamente scolpito.

Per diversa tipologia e difficoltà sono innumerevoli gli esercizi che si possono svolgere con l’hula hoop che, ad esempio, può essere indossato anche sugli arti inferiori o superiori o a diverse altezze del corpo, compreso il collo. L’aggiunta di più hula hoop, inoltre, aumenta tecnicamente il livello di difficoltà dell’esecuzione dei movimenti, permettendo all’esecutore di compiere vere e proprie esibizioni.

Gli esercizi con l’hula hoop

Ecco alcuni esempi di esercizi da praticare con l’hula hoop per tenersi in forma:

1. Circonduzioni del bacino con l’hula hoop: un primo esercizio base consiste nell’impratichirsi con il cerchio muovendolo sia in una direzione che nell’altra per diventare abili nell’input di rotazione oraria e antioraria. In realtà questo è anche un ottimo esercizio di coordinazione e gestione del lato non dominante del corpo.

2. Piegamenti laterali con l’hula hoop: braccia in alto in posizione parallela, spalle basse, schiena dritta, cerchio tra le mani, piegati verso destra mantenendo la posizione eretta, ritornate alla posizione di partenza e ripetete dalla parte opposta.

3. Passeggiata con l’hula hoop: posizionate le gambe leggermente divaricate, le ginocchia appena flesse e fate girare l’hula hoop. Contemporaneamente fate due passi verso destra, poi due passi verso sinistra, quindi due passi indietro e due passi in avanti (sempre facendo roteare il cerchio).

4. Affondi con l’hula hoop: in piedi con le gambe ben dritte e il busto eretto, usate l’hula hoop con il braccio destro facendolo ruotare ad altezza avambraccio. Contemporaneamente eseguite degli affondi facendo un passo avanti sempre con la gamba destra, fino a quando il ginocchio sinistro arriva a sfiorare a terra. Ripetete l’esercizio facendo ruotare l’hula hoop con il braccio sinistro e praticando gli affondi cambiando gamba.

5. Addominali con l’hula hoop: distesi a terra (meglio se su un tappetino da fitness), in posizione supina, alzate la gamba destra tenendola dritta a formare un angolo retto con il corpo. Fate girare l’hula hoop attorno alla caviglia e, per mantenere il corretto equilibrio, tenete le braccia aperte con i palmi delle mani rivolti a terra. Ripetete l’esercizio anche con la gamba sinistra.

Ciascun esercizio può essere praticato per 3-4 minuti con una pausa, fra l’uno e l’altro, di almeno 30 secondi; eseguire l’attività con una musica trascinante e coinvolgente dalle cadenze latino-americane, dance o funky può aiutarvi a dare un ritmo ai movimenti, divertendovi ancora di più.

Hula-Fit

In alcune palestre è nata anche una vera e propria disciplina basata sull’utilizzo dell’hula hoop. Si chiama Hula-Fit, ha origini americane e si tratta di una serie di esercizi molto simili a quelli praticati dai bambini nei cortili, ma mirati a bruciare i grassi, colpendo in modo mirato i fianchi, e a tonificare le braccia e le gambe, ma lavorando anche sulla coordinazione e l’equilibrio, elementi essenziali in tante attività sportive come lo sci, lo snowboard o il pattinaggio. La durata delle lezioni di hula-fit è molto flessibile e funzionale alle esigenze e agli impegni di chi lo pratica: ogni lezione può durare dai 30 ai 60 minuti (in soli 10 minuti di esercizio si possono perdere fino alle 100 kcal.) e, solitamente, si articola in quattro differenti fasi per permettere un lavoro completo su tutti i muscoli del corpo:

Prima fase: finalizzata al riscaldamento della muscolatura;

Seconda fase: è tutta incentrata sulla capacità di saper roteare l’hula-hoop con tutte le parti del corpo, dalle braccia alle gambe passando per il collo e, naturalmente, il bacino, fino a creare delle vere e proprie coreografie;

Terza fase: è più aerobica e prevede l’uso del cerchio come sostegno per piegamenti e squat;

Quarta fase: si conclude con il classico defaticamento e stretching.

photo credit: Crysco Photography via photopin cc