Sempre più persone scelgono di cambiare in modo drastico la loro alimentazione scegliendo una dieta che non contenga nessun prodotto di origine animale. Che lo si faccia per scelta salutista o per una scelta animalista, il principio non cambia: è importante che nella dieta vegana non si perdano di vista le necessità del corpo.

Spesso, infatti, si eliminano alcuni alimenti senza considerare l’effetto che questa decurtazione può avere sul nostro organismo. Vediamo quali sono gli errori da evitare.

In primo luogo bisogna fare attenzione alle calorie. Infatti, eliminando tutti gli alimenti di derivazione animale – nella dieta vegana oltre alla carne non sono previsti neanche gli alimenti derivati dagli animali, come le uova o il latte – si riduce l’apporto calorico: è necessario fare attenzione che la quantità e la qualità dei cibi siano in grado di dare all’organismo le calorie di cui ha bisogno in base alle esigenze personali.

Fare una scelta di vita vegana incide in modo profondo sulla scelta degli alimenti e sui loro metodi di preparazione. I vegetali utilizzati per l’alimentazione dovrebbero essere di prima qualità e freschi, evitando di nutrirsi della frutta e della verdura conservata o comunque di derivazione industriale: oltre a contenere un alto tasso di sodio e di grassi, potrebbero mancare di alcuni nutrienti essenziali, come la vitamina B12.

Anche questo è un altro elemento da tenere in considerazione: la vitamina B12 è fondamentale per la salute del sistema neurologico, ma si trova soprattutto nei prodotti animali. Se non siete sicuri di assumerne abbastanza consultate un medico che vi indicherà la strada migliore.