L’ernia inguinale è la fuoriuscita delle viscere dalla porta erniaria, che è collocata nella zona dell’inguine.

Tra ernia inguinale e anatomia esiste uno stretto collegamento ed infatti è giusto ricordare che l’ernia inguinale riccorre molto più spesso negli uomini e non nelle donne. Questo accade perché gli uomini, rispetto alle donne, hanno una differente conformazione anatomica inguinale. Nell’uomo è presente, infatti, un funicolo spermatico, che, dall’inguine, raggiunge i testicoli. Da qui la possibile fuoriuscita dell’ernia.

Le cause di questa patologia possono essere varie, ma in genere questo tipo di ernia è provocata da considerevoli sforzi fisici, da stipsi, da tosse continua, da un rapido aumento di peso.

Quali sono i sintomi dell’ernia inguinale?

Nella fase iniziale l’ernia è asintomatica. Successivamente, si cominciano ad avvertire dolore inguinale e una sensazione di pesantezza, oltre che bruciore. Poi, si può formare anche un rigonfiamento di dimensioni sempre più grandi. Questo rigonfiamento, per quanto concerne le donne, arriva a scendere fino al grande labbro, mentre per quanto riguarda gli uomini, arriva a scendere fino al sacco scrotale.

A seconda dello stato di avanzamento, possiamo parlare di punta d’ernia, ernia inguinale, ernia inguino-scrotale o ernia femorale.

Per curare l’ernia inguinale l’unica strada percorribile è quella della chirurgia.

photo credit: Marco Nunes via photopin