Il problema dell’eiaculazione precoce si manifesta quando l’uomo non è in grado di controllare l’eiaculazione stessa. Non è quindi soltanto una questione di tempo – tempo scarso dato che si sta parlando di eiaculazione precoce e dunque di qualcosa che dovrebbe avvenire piuttosto in fretta. Chiaro, dunque, che il non soffrire di questo disturbo che attanaglia un gran numero di uomini significa al contrario essere in grado di controllare l’eiaculazione e di riuscire ad ottenere un piacere più intenso e più duraturo.

Non è un problema piuttosto semplice da affrontare, almeno dal punto di vista psicologico. Molti uomini si vergognano di affrontarlo apertamente. Ma le soluzioni esistono e con un po’ di coraggio in più, e l’aiuto di uno specialista, si potrà tornare a godere di una vita sessuale piuttosto soddisfacente. Per combattere l’eiaculazione precoce esistono anche dei rimedi naturali, ma partiamo dalle cause.

Eiaculazione precoce: le cause

L’eiaculazione precoce può essere la conseguenza di diverse cause, sia fisiche che psicologiche. Fra le cause fisiche vi sono alcune patologie: ovvio che in questo caso il problema andrebbe risolto innanzitutto curando le malattie. Si tratta, in particolare, dell’infiammazione dell’uretra, una delle cause principale. Altre cause fisiche sono invece dovute all’anatomia: si può avere un prepuzio troppo corto oppure si può avere difficoltà a scoprire il glande.

Molto spesso, però, l’eiaculazione può essere dovuta a fattori psicologici: i più comuni che concorrono a scatenare il problema possono essere l’ansia (soprattutto quella da prestazione), lo stress, il timore di deludere la partner oppure rapporti sessuali poco frequenti. Questi possono diventare tutti fattori che in teoria contribuiscono a far perdere il controllo necessario per impedire l’eiaculazione precoce.

Eiaculazione precoce: i rimedi naturali

Come al solito, accanto ai rimedi più strettamente farmacologici, che solo un medico può sottoscrivere al paziente, vi sono anche alcuni rimedi naturali che possono aiutare ad affrontare il problema dell’eiaculazione precoce. Ad esempio, si possono assumere per quattro volte al giorno quattro gocce di Impatiens (conosciuta comunemente come fior di vetro oppure balsamina), da mettere sotto la lingua e da deglutire dopo un minuto circa. Il tutto per almeno un mese.

Un altro rimedio naturale prevede invece l’assunzione di cinque granuli al mattino e cinque alla sera di Conium Maculatum 9Ch – in pratica la cicoria maggiore – oppure, in alternativa, due oppure tre granuli, tre volte al dì, di Selenium 9Ch.

Qualora l’eiaculazione precoce dovesse essere causata dall’ansia oppure dallo stress, i rimedi naturali possono intervenire per migliorare la situazione sotto questo punto di vista. In tal caso si possono assumere valeriana, passiflora oppure il tiglio: tutte e tre sono notoriamente conosciute per le loro proprietà rilassanti e ansiolitiche.