La Ministra della Salute Beatrice Lorenzin è dovuta intervenire nuovamente per chiarire la faccenda del divieto di andare a scuola per i bambini non vaccinati. Si è trattato di un’ipotesi di cui si era discusso nei giorni scorsi, dopo i vari allarmi che erano stati lanciati sul calo delle vaccinazioni in Italia e sui probabili pericoli che ciò potrebbe comportare.

La Lorenzin ha comunque ribadito che non vi sarebbe alcun piano in atto per bloccare l’accesso nelle scuole ai bambini non vaccinati e che se qualora un’iniziativa del genere dovesse essere intrapresa, sarebbe certamente il Parlamento italiano a doversene occupare e ad autorizzarla.

Nonostante questa precisazione però, la Lorenzin ha ricordato quali possano essere i rischi di bambini non vaccinati e ha invitato tutti a non lasciarsi coinvolgere nel cosiddetto effetto gregge. La Ministra della Salute ha altresì ricordato che pur non essendosi un divieto di accesso negli istituti scolastici per i piccoli senza vaccinazioni, è anche vero però che le Regioni hanno approvato il piano vaccinale che affronta anche il tema dell’indice di vaccinazione e che presto partirà una serie di campagne dirette ai genitori, ai medici e ai pediatri. “Le Regioni sottolineano un problema che c’è, il decremento di vaccinazioni obbligatorie, in alcune aree molto sensibile, che rischia di minare e mettere a rischio la comunità. Per questo le Regioni chiedono un monitoraggio con attenzione agli effetti di questo decremento nel Paese, dopo il quale dovranno essere formulate delle proposte“, ha dichiarato la Lorenzin.

E infatti, a partire dalla giornata di ieri, le Regioni hanno dato il via libera al piano di vaccinazioni presentato sia dal Ministero della Salute sia dall’Istituto Superiore di Sanità.