La dipendenza da smartphone starebbe iniziando a creare tutta una serie di problemi fisici, soprattutto a livello di apparato scheletrico. A destare maggiori preoccupazioni, secondo un chiropratico australiano, James Carter, sarebbe soprattutto quella che lui definisce l’epidemia di colli da sms, ossia colli che presentano strane incurvature, dettate proprio dalla scorretta postura che la dipendenza da smartphone costringerebbe ad adottare.

Non solo problemi al collo però. La dipendenza da smartphone provocherebbe anche schiene curve e ingobbite in modo piuttosto anomalo. E ciò che preoccupa maggiormente è che il problema inizia a palesarsi in soggetti che hanno circa sette anni di età. Il 50 per cento dei soggetti colpiti da tali anomalie, infatti, sarebbe composto da adolescenti in età scolare.

A porre l’attenzione sulla questione è stato il Daily Mail Australia, che ha pubblicato le lastre di alcuni adolescenti. Carter avrebbe poi spiegato che i casi da colli da sms, come di definisce lui, sono esponenzialmente aumentati negli ultimi due anni, soprattutto fra i bambini e gli adolescenti. Si tratterebbe di un tipo di disturbo legato alle modifiche che la colonna vertebrale subirebbe a causa delle troppe ore trascorse seduti, con la testa china, a guardare sullo schermo dello smartphone.

A causa dell’ingobbimento che sostituisce la normale curvatura della schiena, i soggetti che ne sono affetti possono poi accusare dolore alla schiena, al collo e alle spalle. Per evitare tutto ciò, gli esperti consigliano di abituarsi ad alzare lo schermo di tablet e smartphone quando li si usa (evitando di poggiarli sul tavolo, ad esempio). Lo schermo deve essere all’altezza degli occhi, in modo tale che il collo non sia costretto a stare per tanto tempo in posizioni innaturali che a lungo andare potrebbero provocare spiacevoli conseguenze.