Un piano pasto tipico potrebbe essere simile a questo:

  • Colazione: mango, banana, kiwi e yogurt di soia
  • Pranzo: insalata a base di verdure biologiche crude
  • Spuntino (una porzione piccola dalla lista approvata e solo se necessario): patatine vegetali esotiche
  • Cena: Pad Thai vegetariano (un piatto di saltati in padella spaghetti di riso con uova, succo di tamarindo, peperoncino rosso)

Nonostante il consiglio di mangiare cibi integrali e biologici, esiste una lista di alimenti trasformati “accettabili”, come la panna di soia, i bastoncini di patate, e l’organico pretzels (popolare pane bavarese dalla forma caratteristica). Gli spuntini sono previsti per soddisfare le voglie momentanee e allontanare i sentimenti di rifiuto che sono il tallone d’Achille della dieta. A volte, la dieta, più che essere solo un regime alimentare, sembra essere un baluardo in difesa dei diritti degli animali. La carne viene denigrata come un prodotto “morto, in putrefazione, in decomposizione”, i latticini è come se fossero “tossici”, ed è vietato persino il miele, prodotto proveniente dalle api. I pesticidi, gli additivi, gli ingredienti artificiali e lo zucchero sono proibiti, in quanto sono la causa prima alla base di ogni tipo di malattia.
La lunga lista dei cibi proibiti comprende tutti i prodotti animali (carne, pollame, uova, latticini, pesce), la birra, l’alcool, la caffeina, i cibi con additivi chimici come i dolcificanti artificiali, e qualsiasi alimento che contenga farina raffinata o zucchero.