Importante scoperta quella fatta da un gruppo di ricercatori degli Stati Uniti, che potrebbe rivoluzionare e migliorare incredibilmente i risultati al termine di una dieta.

Come è infatti ben noto, il problema che si riscontra al termine di un certo regime alimentari protratto per settimane o mesi, è il ritorno della fame, con conseguente recupero del peso perduto a caro prezzo.

I risultati del lavoro dell’equipe di ricercatori della Mayo Clinic di Rochester verrà pubblicato a breve sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas): nel testo dovrebbe trovarsi la dimostrazione dell’effettivo funzionamento del cosiddetto ormone della fame, la grelina.

Con una sostanza inibitrice studiata per l’occasione, la butirilcolinesterasi, i ricercatori avrebbero bloccato il lavoro dell’ormone, evitando che il paziente riprenda peso dopo la dieta. La grelina infatti viene prodotta spesso copiosamente dopo una dieta, aumentando lo stimolo della fame.

Lo studio per il momento è stato eseguito su animali, e si attendono repliche su esseri umani. Topi ex-obesi cui è stata iniettata per una sola volta la sostanza hanno mantenuto il peso corporeo per tutta la vita, evitando il rischio di ingrassare ancora.

Nel caso in cui dovessero esserci riscontri ci si troverebbe di fronte a un passo avanti fondamentale nella lotta all’obesità e a tutte le malattie a essa legate, tra cui il controllo del diabete.