Personalizzare la propria dieta. E’ questo uno dei segreti per perdere peso facilmente: adattare una corretta alimentazione al nostro corpo, alle nostre necessità e agli impegni lavorativi. Non sempre è facile e ereditare una serie di regole consigliate dal nutrizionista alla mamma o a un’amica solitamente si rivela essere più che inutile: ogni persona ha una capacità di assunzione delle calorie ed un metabolismo del tutto personale.

Per questi motivi una delle varie tipologie di diete che stanno prendendo piede ultimamente è la cosiddetta “dieta genetica”. Trattasi di un regime alimentare regolato sulla base del proprio patrimonio genetico e, secondo recenti studi svolti dalla Stanford University di Palo Alto, più efficace e duraturo (studio basato su un campione di 141 donne in soprappeso).

Grazie alle analisi del DNA, infatti, sembra essere possibile ottenere delle informazioni, relative al comportamento dei geni, importanti per scoprire come il metabolismo reagisce ai vari nutrimenti. Facendo tesoro di queste scoperte, gli scienziati dei Laboratori G&Life dell’Area Science Park di Trieste, in collaborazione con l’Università di Trieste, hanno messo a punto un “home test” non invasivo, creato seguendo le indicazioni della nutrigenetica, la disciplina che studia le varianti dei geni dalle quali dipenderebbe la risposta del nostro organismo a ciò che mangiamo.

Il kit fornisce un contenitore per la saliva, su cui viene eseguito l’esame del DNAun test per misurare la sensibilità all’amaro e al piccante, e un questionario da compilare con le proprie abitudini e le preferenze cibarie. Il tutto deve essere spedito a G&Life. Entro quattro settimane si riceve il responso con la dieta personalizzata in base al patrimonio genetico, al gusto, allo stile di vita e alle preferenze alimentari.

photo credit: Jorge Lucero via photopin cc