Torno a parlare della dieta della forchetta (vedi post precedente con la presentazione), formula ideata da due creativi, rifacendosi alle teorie della crono nutrizione del Dr Delabos, per rendere facile e intuitivo seguire un’alimentazione corretta.

Per assicurare che i fabbisogni metabolici siano soddisfatti lungo tutto l’arco della giornata, la Fork-it Diet prevede indicazioni differenti per ciascun pasto.

COLAZIONE DA RE
Da un punto di vista nutrizionale, la colazione è il pasto più importante della giornata, serve a rimettere in moto l’intero organismo e a farvi arrivare all’ora di pranzo in perfetta efficienza.

L’organismo ha le migliori possibilità di bruciare i cibi calorici e i grassi che vengono assunti durante la colazione rispetto a quelli incamerati in qualunque altro momento della giornata.

Fate quindi del primo pasto del mattino una piccola festa, godendovi latte e derivati. Inclusi burro e formaggi grassi. Ovviamente non dovrete eccedere in zuccheri semplici e in grassi saturi (meglio il prosciutto della pancetta o delle salsicce, per esempio) e dovrete cercare di limitare il numero di uova a 4 la settimana

Il vostro menù della prima colazione potrebbe riprodurre uno degli esempi qui sotto:
2 uova con prosciutto e 2 fette di pane integrale imburrato.
2 fette di bane integrale imburrato con 100 g di formaggio.
1 tazza di cereali con yogurt, miele e frutta.
Farina d’avena con uvetta e yogurt.

PRANZO DA PRINCIPI
Il pranzo dovrà fornire un elevato apporto di proteine e amidi (riso, pasta, grano, patate), il tutto arricchito da vegetali. Attenzione ai cibi fortemente calorici e al junk food (hamburger, patatine, pizza, dessert eccetera). Anche se questi cibi a pranzo sono accettabili, non è il caso di eccedere, cercate di riservarli alle occasioni speciali, purchè siano rare.

Qualche esempio:

Bistecca e patate più macedonia di frutta.
Un piatto di pasta più uno yogurt.
Frittata, con insalata e patatine e un frutto.
Pollo con riso e vegetali e un sorbetto o un piccolo gelato.
Insalata e sandwich più una porzione di torta di mele.

SPUNTINI
A metà mattina e al pomeriggio sono ammessi degli spuntini: se vi viene fame tra la prima colazione e il pranzo potete mangiare un frutto, mentre al pomeriggio, tra le 16 e le 17 potete concedervi uno snack dolce come un sorbetto, un pezzo di cioccolato fondente o della frutta.

CENATE COME UN POVERO E USANDO SOLO LA FORCHETTA
La prima domanda che dovete farvi è se quello che state mangiando è qualcosa che normalmente si consuma e/o prepara con la sola forchetta. È nella cena, infatti, la chiave del successo di questo metodo. Deve essere composta da un piatto unico di pesce con vegetali e amidi. Niente frutta e niente dessert, eventualmente un infuso alla frutta, oppure potreste provare il caffè verde, nuova panacea del dimagrimento (vedi qui di cosa si tratta).

Le verdure sono obbligatorie a ogni cena. Il pesce è un’ottima scelta perche offre elevate quantità di proteine nobili e nutrienti con un limitato apporto calorico. Da evitare invece la carne che è in genere ricca di grassi e richiede una lunga digestione.

Cibi ammesssi per cena
Verdure: asparagi, fagioli, piselli, lenticchie, broccoli, carote, funghi, cipolle, patate, insalate, spinaci, soia, cavoletti di bruxell,
Cereali: pasta, riso (possibilmente integrale), semolino, bulgar, quinoa
Pesci: salmone, tonno, sogliola,  sardine, trota, sgombro, aringhe , aringhe, carpa, anguilla.

ED ECCO L’ELENCO DEI CIBI VIETATI DALLE 17 IN POI:
Stuzzichini, patatine, crackers, olive, popcorn.
Tutti i tipi di pane e biscotti, cereali.
Tutti i tipi di formaggi, yogurt.
Tutta la frutta.
Dolci in genere, cioccolato, gelati, sorbetti.
Pizza, panini, sandwich, hamburger.
Carne bianca o rossa.
Maionese, burro, margarina, ketchup, senape.
Salsa tonnata, taramasalad, hummus, paté, panna acida, salse in genere, sughi.
Quiches, pie, torte salate.
Zuppe, stufati.
Zucca, avocado, cuori di carciofo, ravanelli.

(Foto by InfoPhoto)

LEGGI ANCHE:
Fibre alimentari: cosa sono, dove si trovano e perché bisogna assumerne nella giusta quantità