La dermatite è un’infiammazione della cute che provoca prurito, arrossamento e desquamazione. Questa può dipendere da allergie, dal contatto con sostanze irritanti, dall’uso di farmaci, oppure di cosmetici e detergenti troppo aggressivi. La cosiddetta dermatite da stress non differisce di molto dalla classica dermatite, se non per l’assenza di una evidente causa scatenante. Si manifesta infatti con i sintomi tipici della dermatite allergica da contatto, tra cui ricordiamo arrossamento e secchezza della pelle, desquamazione, comparsa di vescicole, abrasioni e gonfiori pruriginosi; tende tuttavia a verificarsi in maniera improvvisa ed in concomitanza con periodi di particolare affaticamento psicofisico. Sebbene i meccanismi responsabili di innescare la dermatite da stress non siano ancora del tutto chiari, alcuni studi sembrano evidenziare come la pelle tenda a diventare più permeabile in condizioni di stress, e di conseguenza più facilmente vulnerabile alla dermatite. Altre ricerche tendono invece ad evidenziare il ruolo giocato dai cosiddetti ormoni dello stress, tra cui il cortisolo, responsabili di stimolare la risposta immunitaria associata all’irritazione della pelle, aggravano così i sintomi della malattia.

Generalmente, la dermatite da stress tende a scomparire spontaneamente dopo brevi periodi, senza necessità di ricorrere a terapie specifiche. Per alleviare i sintomi e accelerare la guarigione, è tuttavia importante limitare quanto più possibile le fonti di stress. Nel frattempo è possibile ricorrere a creme lenitive di automedicazione disponibili in commercio, o affidarsi ad alcuni rimedi naturali molto utili in caso di forte prurito. Tra i rimedi più efficaci ricordiamo:

  • l’esposizione al sole
  • bagni a base di amido di riso
  • impacchi alla camomilla
  • massaggi con gel d’aloe puro (eventualmente addizionato con qualche goccia di olio essenziale di lavanda e camomilla)
  • diminuire i lavaggi e utilizzare detergenti non schiumogeni
  • praticare tecniche di meditazione
  • evitare il contatto con sostanze irritanti
  • ridurre l’assunzione di alcol ecaffè
  • praticare regolare attività fisica
  • mangiare in modo sano