La depressione non è, come spesso ritenuto, un semplice abbassamento dell’umore, ma un insieme di sintomi più o meno complessi che alterano anche in maniera consistente se il modo in cui una persona ragiona, pensa e raffigura se stessa, gli altri e il mondo esterno. I sintomi includono sensazioni di inutilità, inadeguatezza, isolamento, solitudine e disperazione, spesso associate a perdita d’interesse nel lavoro o nella vita familiare, incapacità di concentrazione e, nei casi più gravi, pensieri di morte e di profonda angoscia. Tra i disturbi fisici possono essere inclusi perdita di energia, debolezza, lentezza dei movimenti, bocca asciutta, difficoltà di digestione, intestino pigro e stitichezza. In alcuni casi, chi soffre di depressione può perdere o prendere peso e le donne spesso accusano disturbi mestruali.

CHE FARE IN CASO DI DEPRESSIONE

In molti casi, per alleviare i disagi che provoca la depressione, è utile rivolgersi a uno psicoterapeuta esperto. Se per le depressioni non gravi sono indicate anche le psicoterapie brevi. Una dieta di frutta e vegetali crudi, è importante. Se una dieta è troppo carente di carboidrati complessi (pane, pasta, riso) può causare una diminuzione di serotonina e, di conseguenza, la depressione.

UN AIUTO DALLE ERBE

per le depressioni non endogene, nelle forme ansiose depressive e nei disturbi di natura psicovegetativa,  malumore, malinconia, ansia, insonnia, agitazione nervosa assumete l’iperico: 30 gocce di tintura madre, in poca acqua, 2-3 volte al giorno per almeno 2 mesi. Se necessario, ripetete il trattamento. Attenzione: non usate l’iperico se assumete regolarmente antidepressivi appartenenti alla famiglia degli inibitori delle monoaminossidasi, contraccettivi, ciclosporina.

Per alzare i livelli di serotonina, alleviare la sensazione di stanchezza, aumentare la memoria, è indicata la rodiola: 2-4 compresse di estratto secco al giorno per almeno 2 mesi. Se necessario, ripetete il trattamento.

In caso di depressione accompagnata da invecchiamento precoce, impotenza e stanchezza, è utile il ginseng: su 30 gocce di tintura madre, in poca acqua, 2-3 volte al giorno per almeno 2 mesi. Se utile, ripetete il trattamento.

Per la depressione che si accompagna a stress e affaticamento psicofisico, assumete eleuterococco: 30 gocce di tintura madre, in poca acqua, 2-3 volte al giorno tra almeno 2 mesi. Se necessario, ripetete il trattamento.

INTEGRATORI

  • Rame-oro-argento, 1 fiala tutti i giorni, per 10 giorni. Poi 1 fiala 4 volte a settimana, fino al miglioramento. È utile quando la depressione si associa all’ansia.
  • Litio, 2-4 fiale  al giorno fino al termine della crisi acuta. Da assumere durante la crisi in  assenza di rimedi antidepressivi di sintesi.
  • Zinco,  20-25 mg al giorno. E’ antiossidante, aiuta a contenere lo stress e riduce l’insorgenza e la frequenza delle crisi.

OMEOPATIA

  • Per la depressione reattiva dopo shock affettivo: Ignatia amara  9CH, 5 granuli al giorno, al risveglio.
  • Per depressione e modificazione di umore e comportamento in menopausa: Lachesis  9CH o 15CH, 5 granuli da una a più volte al giorno.
  • L’alternanza di eccitazione e depressione in soggetti longilinei astenici (affetti da stanchezza cronica), estremamente vulnerabili: Phosphorus  15 CH, 5 granuli da 1 a 2 volte al giorno. Diradate secondo il miglioramento.
  • Per depressione abbinata ad apatia, l’abulia (mancanza di volontà) ed estrema indifferenza; depressione, vampate, cefalea, peso pelvico in menopausa: Sepia 9,15 o 30 CH, 5 granuli da 1 volta al giorno a 1 volta a settimana.
  • Depressione reattiva che si basa su un sistema di idee fisse: Thuya 30 CH, una sola dose alla settimana.

[Dubbi sull'omeopatia? Leggi qui le nostre FAQ.]

AROMATERAPIA

Gli oli essenziali indicati in caso di depressione sono lavanda, gelsomino, rosa, fiori d’arancio, menta piperita, timo, salvia e camomilla. Quando, in un momento di crisi, si ha bisogno di un aiuto immediato, mettere 1-2 gocce di un olio scelto tra quelli indicati su un fazzoletto e inalare profondamente l’essenza. Con gli stessi oli si possono preparare bagni rigeneranti, basta aggiungerne 10-15 gocce, precedentemente miscelate in un cucchiaio di miele, all’acqua della vasca. Per la rosa e il gelsomino ne bastano 2-4 gocce.

FIORI DI BACH

  • Quando si è amareggiati o quando si tende a colpevolizzare gli altri e le situazioni: Willow.
  • Quando non ci si sente amati o si è stati offesi: Chicory.
  • Quando si è depressi per una causa sconosciuta e si è spesso malinconici: Mustard.
  • Quando si è depressi a causa di un lutto: Star of Bethlehem.
  • Quando si è depressi perché si è disoccupati a causa di un insuccesso: Gentian.

Dosi in ogni caso: 4 gocce del rimedio prescelto 4 volte al giorno.

[Attenzione: le dosi e le formule consigliate sono frutto di combinazioni che possono variare a seconda della condizione soggettiva e la loro efficacia dipende dalla sensibilità personale del paziente. Prima di procedere con l'inizio di una cura, se non siete già esperti, consultatevi con un naturopata, un erborista o un omeopata di fiducia che si accerti che non vi siano controindicazioni alla cura. Se il problema persiste o se i sintomi peggiorano, rivolgetevi subito a un medico.]