In questo periodo nei boschi delle nostre montagne si possono trovare un grande numero di funghi di diverse tipologie. Anche molti supermercati e fruttivendoli li propongono, ma, si sa, i funghi, anche se sono ottimi, possono essere molto pericolosi.

Per questo il Ministero della Salute ha stilato un decalogo per mangiare i funghi in sicurezza.

Il decalogo, stilato dal Ministero della Salute e dal Centro Antiveleni dell’ospedale Niguarda di Milano, mette in guardia circa i pericoli derivanti dai funghi, che possono andare da fastidi leggeri fino a gravi intossicazioni alimentari. Proprio in questi giorni, infatti, si è registrato un aumento degli accessi in ospedale per intossicazioni derivanti da funghi che, in alcuni casi, hanno anche portato al trapianto di fegato.

Di seguito le regole per poter mangiare i funghi in sicurezza:

1. Consumare solo funghi controllati da un vero Micologo (diffida degli “esperti improvvisati”)
2. Consumare quantità moderate
3. Non somministrare ai bambini
4. Non somministrare a donne gravide
5. Consumare solo funghi in perfetto stato di conservazione
6. Consumare funghi ben cotti e masticare correttamente
7. Sbollentare i funghi prima del congelamento e consumarli entro 6 mesi
8. Non consumare funghi raccolti lungo le strade o vicino a centri industriali
9. Non regalare i funghi raccolti se non controllati
10. Nei funghi sott’olio si può sviluppare la tossina del botulino