Disporre un prato di fiori selvatici significa creare della vita. Bastano delle piccole isole di fiori selvatici per creare dei bio-topi adatti ad ospitare uccelli, farfalle, cavallette e altri piccoli animali. Potete anche strutturare le superfici con dei sentieri. Ciò vi permetterà di assistere da vicino allo spettacolo della natura. Per dare un tocco in più al vostro prato di fiori selvatici è possibile aggiungerci anche delle piante perenni selvatiche o delle pietre naturali.

VERSO IL PRATO SEMI-NATURALE
Per trasformare un giardino ornamentale in un giardino naturale ci vogliono un po’ di audacia e pazienza. Una punta d’audacia è necessaria poiché quando si configura il giardino secondo il modello della natura, si devono anche considerare le piante chiamate “erbacce”. Però piantando e curando il giardino in modo appropriato si formerà una flora molto variata e sgargiante senza che singole specie cosiddette generaliste, come il dente di leone, si diffondano in modo incontrollato. La pazienza è necessaria perché la crescita naturale delle piante selvatiche esige un po’ di tempo. La cosa migliore è lasciar fare alla natura, falciando il prato di rado e togliendo sempre il materiale tagliato. Così il terreno diventerà più magro. Inol- tre, aggiungendo della sabbia al terreno o togliendo lo strato superficiale del suolo, il risultato desiderato sarà già visibile al secondo o al terzo anno.