Alla presentazione milanese del suo Dalle calorie alle molecole. Il nuovo orizzonte nel controllo del peso (Aboca Edizioni) abbiamo avuto il piacere di intervistare il prof. Pier Luigi Rossi, il celebre medico specialista in Scienze della Alimentazione e Igiene e Medicina Preventiva, studioso di genomica nutrizionale e padre del metodo dieta molecolare. “Nel mondo della nutrizione” spiega ai microfoni di Leonardo.it nella prestigiosa libreria Hoepli “sta avvenendo una rivoluzione: bisogna superare il concetto di calorie, perché queste all’interno del corpo umano non esistono. Esistono, invece, le molecole e i principi nutritivi in grado di dialogare con il nostro DNA cellulare e di orientare il nostro organismo verso una condizione di salute e di sano peso corporeo”.

Ci parla di “gossip dietetico”, il prof. Rossi, cioè di tutte quelle false credenze che gravitano nell’universo dell’alimentazione. La prima è la ricerca spasmodica di prodotti light, perché considerare il cibo solo come fonte di energia e il nostro corpo solo come una macchina è un gravissimo errore comportamentale. La seconda è la demonizzazione tout court degli alimenti che contengono colesterolo: si tratta di una molecola di primaria importanza per la integrità delle cellule e per la secrezione di ormoni vitali, è il precursore della vitamina D, è un nutriente essenziale per il corpo umano. Solo quando il suo valore eccede, diventa un fattore aggressivo e tossico per il sistema cardio-circolatorio, tale da generare aterosclerosi e danni irreversibili al cuore. La terza è l’esaltazione della dieta mediterranea, definita erroneamente come dieta basata sui farinacei: si tratta in realtà di una mistificazione perché per tenere bassa la glicemia post pranzo bisogna tornare ai cereali, che siano originari del Mediterraneo o meno, come il farro, il miglio, l’orzo, l’avena, la segale, la quinoa o l’amaranto.

Dalle calorie alle molecole non solo insegna a conoscere il proprio corpo, ma contiene vere e proprie indicazioni su come scegliere il cibo: esiste, infatti, una soggettività nutrizionale perché -mentre il cibo è lo stesso per tutti- il corpo è diverso per ciascuno di noi e cambia non solo dopo ogni pasto, ma anche in ragione del proprio sesso e genotipo individuale.

Il volume edito da Aboca Edizioni contiene indicazioni per mangiare con metodo e tenere basso l’indice insulinemico, schemi per la colazione, il pranzo e la cena, ma anche consigli sfiziosi per la merenda e vere e proprie curiosità. Ecco alcuni esempi: sapevate che il carciofo violetto e la spremuta di melagrana sono fra i più potenti antiossidanti che la natura ci mette a disposizione? Ci proteggono dall’invecchiamento e da moltissime patologie, anche gravi. E ancora: il caffè non va bevuto a digiuno o a stomaco vuoto poiché stimola la secrezione gastrica che, con il tempo, può provocare gastriti o aggravare sintomi di acidità e di reflusso gastro-esofageo. Il consiglio è quello di associare il caffè ad altri alimenti; il migliore è lo yogurt che prolunga nel tempo l’azione della caffeina.

Dalle calorie alle molecole apre nuovi orizzonti sul tema dell’alimentazione e si fa apprezzare per il linguaggio semplice e facilmente comprensibile, le belle illustrazioni e i pratici box informativi: un vero e proprio vademecum che ci accompagna in un viaggio di riscoperta del nostro corpo, per raggiungere il benessere e un sano peso forma.
photo credit: Pabo76 via photopin cc

Publiredazionale