Una dieta basata sul consumo di frutta e verdura è buona norma sia per mantenere l’organismo in salute che per preservare l’ambiente.  La conferma arriva dal gruppo di consulenti del governo Usa, un team di medici ed esperti in nutrizione che nello stilare il nuovo rapporto sull’alimentazione consiglia una dieta povera di carne rossa e ricca di alimenti vegetali, mettendo così per la prima volta in relazione scelte alimentari salutari e sostenibilità.

Le nuove linee guida made in Usa raccomandano un alto consumo di frutta, verdura, cereali integrali, legumi e noci, un moderato consumo di alcol, pochi zuccheri raffinati e una drastica riduzione nelle porzioni di carne rossa e formaggi. Il documento stilato dal Comitato conferma così il modello della doppia piramide alimentare e ambientale promosso da Barilla center for food & nutrition (Bcfn). A fianco alla classica piramide alimentare avremo dunque una piramide ambientale rovesciata, al cui vertice (quindi in basso) saranno collocati gli alimenti con il minore impatto ambientale. Accostando le due piramidi appare subito evidente che gli alimenti per i quali è consigliato un consumo maggiore (frutta, verdura e cereali) sono anche quelli più sostenibili. Viceversa, gli alimenti per i quali è raccomandato un consumo ridotto (carne rossa e formaggi) sono anche quelli che, a causa del processo di lavorazione, fanno registrare il maggior impatto sull’ambiente.

Il modello alimentare consigliato dagli esperti è in sostanza quello della dieta mediterranea, basata su un più ampio consumo di frutta, verdura e cereali e un limitato apporto di carni rosse. Le nuove linee guida ne raccomandano infatti un consumo limitato a sole 2 porzioni da 70 grammi la settimana, mentre invitano ad un consumo più frequente di pesce, con 3 porzioni settimanali da 100 grammi ciascuna; incoraggiato anche il consumo di legumi secchi, con 3 porzioni da 30 grammi a settimana e 52 porzioni di pane, biscotti, pasta, riso e patate. Una dieta, insomma, all’insegna della salute e di una maggiore protezione dell’ambiente.