Contrariamente a quanto molti pensano, la cucina vegana è molto varia e versatile: è possibile adattare alcune delle più classiche ricette in chiave vegan, o sperimentarne di nuove; utilizzare i prodotti tipici della dieta mediterranea, o attingere a piene mani a quella orientale, scoprendo tanti ingredienti nuovi e deliziosi. Abbracciare lo stile alimentare vegano non significa dunque rinunciare ai piaceri della tavola, bensì imparare a sostituire i prodotti di derivazione animale con quelli vegetali. Tra gli alimenti esclusi dai vegani traviamo: carne, pesce e tutti i derivati animali, come uova, latticini (latte, burro, formaggi, panna, yogurt…), miele e colla di pesce. Gli alimenti consentiti sono invece numerosissimi e perfettamente in grado di offrire una dieta sana e bilanciata, strizzando l’occhio al gusto e alla fantasia. Inizialmente potrà sembrare complicato, ma in breve tempo vi accorgerete che mangiare (e cucinare) vagano è tutta una questione di abitudine!

Tra gli alimenti SI’ troviamo:

  • latte vegetale (di soia, riso, mandorle, avena o altri cereali)
  • succhi di frutta
  • yogurt di soia
  • burro di soia
  • margarina vegetale
  • crackers
  • fette biscottate
  • marmellate
  • cioccolato fondente
  • torte e dolci senza uova e preparati utilizzando latte vegetale e olio al posto di latticini.
  • pasta
  • riso
  • frutta e verdura
  • legumi
  • cereali (orzo, miglio, quinoa, grano saraceno, ecc.)
  • tofu
  • seitan
  • tempeh
  • muscolo di grano
  • formaggi vegani a base di mandorla o anarardi
  • olio extravergine d’oliva, olio di riso e olio di semi
  • maionese vegetale
  • panna di soia
  • pesti e salse a base vegetale
  • erbe aromatiche
  • agar agar
  • amido di mais
  • sciroppo di agave
  • sciroppo d’acero