Troppa gente sul globo? Nessun problema, controlliamo le nascite. Come? Semplice, basta un chip. Sembra fantascienza e invece è quello che avremo dal 2017, anno in cui farà la sua comparsa il contraccettivo wireless. Un dispositivo compatibile con qualunque farmaco: un medico sarà in grado di regolare la dose solo con un telecomando. Un gruppo di scienziati sta lavorando per sviluppare questo microchip, che sarà pronto appunto nel 2017.

Intanto, però, si è già ad un buon punto. Un’idea non nuova, visto che risale agli anni ’90: allora un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology iniziò a lavorare al progetto, che finalmente prenderà vita grazie MicroCHIPS, azienda americana. Lo riporta il Corriere della Sera. Nel 2012 ci fu un primo esperimento su otto donne con osteoporosi (impiantato un chip sotto la pelle), ora questa nuova frontiera: si tratterà di un dispositivo contraccettivo ormonale, che zar attivato e disattivato in modalità wireless. Dunque, stop alla pillola anticoncezionale.

LEGGI ANCHE

Medicina occidentale: perché sta perdendo di credibilità?

Sciopero sanità: per 24 ore sale parto ferme

Presidi animalisti: sabato 16 marzo Lav ed Enpa contro il nuovo allevamento di visoni di Antegnate