Sono tante le paure del dopo-Fukushima, tra cui quella di mangiare o meno cibi giapponesi. C’è chi rinuncia completamente a sushi e miso, chi acquista i prodotti made in Europe per prepararsi da sé le pietanze della gastronomia nipponica, e chi costruisce piatti in grado di rilevare la radiottività della pietanza. Funzionano così: se il bordo del piatto diventa rosso, sarà meglio evitare di consumare ciò che contiene, perché sicuramente contaminato. Se invece il Led resta bianco, allora via libera alle bacchette, perché non c’è nessun pericolo radioattività.

I PIATTI FUKUSHIMA
Sono i “Piatti Fukushima” che alla loro apparizione hanno subito destato l’interesse del pubblico. Peccato che sia solo un’installazione artistica nata dalla creatività del designer tedesco Niels Ferber, pensata come denuncia delle false soluzioni alla tragedia, ma anche della mancanza di critica da parte della gente. Realizzati in ceramica, i piatti di Ferber sono dotati di tre cerchi in Led che si illuminano di rosso se il contenuto del piatto è radioattivo, di una o due linee bianche a seconda della presenza più o meno blanda di radioattività.

UN FAKE O UNA PROVOCAZIONE?
Stando a quanto ha dichiarato il designer, molta gente lo ha contattato per sapere dove procurarsi i piatti Fukushima, ma nessuno si è informato su come funzionasse davvero questo rilevamento di radiottività, che allo stato attuale sarebbe praticamente impossibile da realizzare. E se lo fosse, il costo sarebbe così elevato da rendere impossibile la sua commericializzazione. Non a caso, sul sito web dell’artista, il Fukushima Plate viene così presentato: “In una società che sacrifica la ragione al profitto, la sicurezza diventa un lusso per chi può permettersela. Il Fukushima Plate è un comune piatto da portata che ingloba un misuratore di radioattività che visualizza il livello di contaminazione del tuo cibo. Potrebbe diventare uno strumento indispensabile per sopravvivere nel futuro”. Ma era solo una provocazione.