La pianta del cappero (Capparis spinosa) cresce spontanea sulle rupi e sui muri nelle regioni meridionali presso il mare, particolarmente nelle isole (Pantelleria e Sicilia). Nella coltivazione dei capperi si cerca di ricreare il terreno simile a quello in cui i capperi crescono spontanei.

Il cappero è un piccolo arbusto, con fusto sdraiato alla base e rami tortuosi, foglie ovali, quasi rotonde, alterne, originario dell’Asia occidentale e dell’Africa settentrionale. I fiori sono vistosi, bianco-rosati, solitari e ascellari, con 4 sepali, 4 petali e numerosissimi stami violacei o porporini, lunghi e setoliformi. I frutti sono bacche ovali. I boccioli fiorali si trovano in commercio conservati sotto sale o sotto aceto e sono comunemente noti con il nome di “capperi”; sono usati come condivento piccante e come base per salse. Il loro uso è assai antico e sembra fosse già noto ai Greci e ai Romani.

Ecco come preparare i capperi sott’aceto e i capperi sotto sale in casa…

CAPPERI SOTT’ACETO

Ingredienti:

  • 1 kg di capperi
  • 1 l di aceto
  • alcuni chiodi di garofano
  • 1 foglia di alloro
  • 1 foglia di basilico
  • sale q.b.

Preparazione:

Lavare e scolare i capperi, cospargerli abbondantemente di sale e lasciarli macerare per due giorni. Trascorso tale tempo mettere a bollire l’aceto insieme ai chiodi di garofano, all’alloro e al basilico; farlo bollire per due minuti, quindi toglierlo dal fuoco. Mettere i capperi nel vaso unendo un po’ del sale in cui sono stati a macerare. Versarvi sopra l’aceto tiepido e lasciarli raffreddare. Chiudere i vasi e conservare in luogo fresco e asciutto.

Prima di usare i capperi sott’aceto è consigliabile lavarli in acqua fredda per eliminare in parte il sapore  aspro dell’aceto e servirli conditi con olio di oliva da soli  o mescolati con qualche salsetta appetitosa.

CAPPERI SOTTO SALE

I capperi sotto sale servono per aromatizzare salse o altre preparazioni.

Ingredienti:

  • 2 kg di capperi
  • 2 kg di sale grosso

Preparazione:

Se si colgono direttamente, badare di staccarli dalla pianta quando i boccioli non sono ancora aperti e con 2 millimetri di gambo. Lavarli, scolarli e metterli ad asciugare al sole per due ore circa. Mettere nel vaso uno strato di sale grosso e uno di capperi, poi uno di sale e così via fino a completare il vaso. Chiudere il vaso e conservare in luogo fresco e asciutto. Al momento di usarli, porli a bagno in abbondante acqua fredda, cambiandola più volte, perché perdano un po’ il sale e fare attenzione a non salare troppo le vivande alle quali eventualmente si uniranno. Sono ottimi anche semplicemente conditi con olio di oliva e profumati con qualche scorzetta di arancia o di limone.