Ci sono tantissime persone che soffrono di quella che potrebbe essere definita un’ansia da deglutizione: quando si tratta di ingoiare una pillola o una compressa vengono presi da una strana paura e non riescono a farlo

Quindi, queste persone, insieme a tutti coloro che possono avere delle difficoltà reali a deglutire, hanno  l’abitudine di polverizzare pillole e compresse. Da un recente studio francese emerge che questa pratica può essere molto dannosa.

Lo studio è stato condotto dai ricercatori dell’ospedale di Rouen, che, dopo aver notato che la pratica di schiacciare le pillole era molto diffusa nel reparto di geriatria, hanno deciso di avviare questa indagine per capire se al pratica potesse essere all’origine di alcuni problemi che si erano spesso riscontrati nei degenti.

Jean Doucet, coordinatore della ricerca, ha spiegato:

Questa indagine ci ha fatto prendere coscienza della diffusione di una pratica che non risponde a nessuna raccomandazione

Ha anche evidenziato come almeno un terzo dei ricoverati dell’ospedale sia interessato da questa pratica , ma anche una grande fetta dei pazienti, di qualsiasi età, al di fuori delle strutture ospedaliere.

Schiacciare e polverizzare le pillole annienta una delle principali funzioni di questa modalità di somministrazione: le pillole sono formulate per essere gastroresistenti, ossia per impedire che il principio attivo venga rilasciato prima del tempo o per fare in modo che questo abbia uno rilascio graduale nel tempo. Il ricercatore ha precisato che si tratta di

Una cattivissima abitudinesoprattutto tenendo conto che in molti casi esistono anche forme farmaceutiche diverse per lo stesso farmaco, e non c’è alcuna necessità di ricorrere al metodo empirico dello schiacciamento.