Il Biochetasi è un farmaco a base di sodio e potassio citrati che può essere assunto per contrastare l’iperacidità, le difficoltà digestive, gli stati chetonemici, l’insufficienza epatica e la nausea tipica dello stato di gravidanza. Il Biochetasi è un medicinale che viene venduto in granulato o compresse effervescenti e che deve essere assunto soltanto per brevi periodi.

Posologia e somministrazione

Per quanto riguarda il dosaggio giornaliero e massimo che si può assumere di questo farmaco, quelli consigliati sono:

  • per gli adulti due bustine o due compresse effervescenti tre volte al giorno, sciolte in mezzo bicchiere d’acqua;
  • per i bambini la metà della dose prevista per gli adulti

Le dosi giornaliere non devono essere assolutamente superate.

Avvertenze su Biochetasi ed effetti indesiderati

Qualora, dopo un breve tempo di assunzione, non dovessero manifestarsi dei miglioramenti, è bene consultare un medico per ulteriori approfondimenti del caso. Si ricorda inoltre che Biochetasi contiene zuccheri e questo fa sì che possa essere incompatibile con pazienti che soffrono di diabete o che devono seguire regimi dietetici ipocalorici. Per via di uno dei suoi scopi principali (curare la nausea gravidica), il farmaco può essere assunto sia in gravidanza sia nel corso dell’allattamento. Biochetasi non risulta neppure incompatibile con la guida di autoveicoli o altri mezzi di trasporto.

Da quello che risulta, l’uso di questo farmaco non ha mai provocato effetti indesiderati.

Eccipienti

Gli eccipienti del granulato effervescente sono: acido malico; sorbitolo; acido tartarico; sodio bicarbonato; polivinilpirrolidone; aroma arancio; saccarina; sodio edetato; propile gallato; saccarosio; fruttosio; glucosio.

Gli eccipienti delle compresse effervescenti invece sono: acido tartarico; aspartame; aroma arancio; saccarosio; polivinilpirrolidone insolubile; polivinilpirrolidone; talco; silice precipitata; sodio bicarbonato.