Se si ha la fortuna di disporre di una casa dotata di ampio giardino, è possibile adibire una parte di terreno alla creazione di un orto domestico. Ciò ci darà l’occasione di  trascorrere del tempo all’aria aperta, dedicandosi ad attività che rilassano la mente, garantendo al contempo grandi soddisfazioni e prodotti genuini e sempre freschi. Ulteriore vantaggio dell’orto in giardino è senza dubbio il risparmio economico: grazie all’orto domestico in ogni stagione si disporrà infatti di prodotti freschi, evitando così di dover fare la spesa al mercato (almeno per i prodotti più comuni).

Creare un orto in giardino non è difficile; costituisce tuttavia un vero e proprio progetto, da pianificare con attenzione: teniamo presente che una porzione di terreno di circa 10 mq può soddisfare il fabbisogno di verdure di 1 persona, quindi se il nostro nucleo famigliare è composto di 4 persone, dovremo adibire a orto circa 40 mq del nostro giardino. Tenendo presenti le dimensioni totali del nostro orto, il consiglio è quello di munirsi di carta e penna e disegnare all’interno del perimetro, tanti quadrati quanti il numero di aiuole che si intende realizzare, sapendo che ogni parcella (così si chiama l’aiuola dove si fa l’orto) dovrà misurare almeno 40 cm di lato e ognuna sarà destinata ad un solo ortaggio. Le parcelle non dovranno tuttavia superare i 110-120 cm di larghezza (il doppio del braccio), poiché bisogna sempre riuscire a raggiungere  tutti gli ortaggi lavorando su entrambi i lati. Anche se quando andremo a interrare le nostre piantine, queste saranno piccolissime, ricordiamo infine che bisogna sempre considerare di lasciare 15/20 cm tra l’una e l’altra.

Altro elemento da tenere in considerazione in fase di progettazione è la posizione. Questa risulterà fondamentale per la buona riuscita del nostro orticello: sarà necessario scegliere un’area ben esposta al sole in primavera ed estate (almeno sei  ore al giorno), ma anche riparata dalle intemperie che minacceranno il raccolto in autunno e inverno. Rispettare questi accorgimenti, ci garantiremo un orto produttivo in tutte le stagioni.

Occorrerà infine assicurarsi che nelle vicinanze dell’area adibita a orto ci sia la possibilità di ricavare un rubinetto oppure una piccola fontanella, così da garantire alle piante un’adeguata irrigazione, senza doversi affaticare trasportando avanti e indietro pesanti annaffiatoi.

Terminato il nostro progetto, si potrà procedere definendo i prodotti che andremo a coltivare: pomodori, insalata, melanzane e zucchine, per esempio, per l’estate e cavoli, verze, cavolfiori e cavolini di Bruxelles per l’inverno. Acquistate inoltre alcune aromatiche da distribuire qua e là nell’orto e, se lo gradite, qualche piantina di fragole o lamponi. Se siete poco esperti, è decisamente consigliabile affidarsi, almeno per i primi tempi, alle indicazioni fornite dal calendario delle semine, che ci guiderà nella scelta del periodo migliore per effettuare le varie semine.

Ultimo passo prima di sporcarsi le mani: procurarsi gli attrezzi indispensabili. Per avviare un orto in giardino, certo non potremo fare a meno di vanga, zappa, rastrello, badile, annaffiatoio, bastone per i buchi e canna dell’acqua.

Acquistato tutto il necessario, potremo metterci all’opera ripulendo la zona da erbacce e radici; quindi bisognerà smuovere il terreno facendo attenzione a rompere tutte le zolle; vi aggiungeremo del nuovo terricci da orto miscelato a fertilizzante a rilascio graduale e in ultimo delimiteremo le varie parcelle con delle assi di legno. A questo punto non resta che procedere alle semine seguendo l’apposito calendario.