La sensazione la conosciamo tutti: appena si infila il coltello nella cipolla, ecco che gli occhi iniziano a pizzicare, e pochi istanti dopo il bruciore è tale che stiamo piangendo senza speranza. Se si ha poi la sventura di passarsi inconsciamente una mano sugli occhi, la tragedia è assicurata.

Evitare il pianto da cipolla è un vero terno all’otto: non è possibile sapere in anticipo se quel tipo di cipolla in particolare ci farà piangere o meno. Certo, non che faccia male alla salute degli occhi, anzi… le nonne dicevano che “disinfetta”. Se però possiamo evitare di preparare il trito di verdure con il mascara che cola e l’apparenza di persone che sembrano nel corso di un dramma personale, magari è meglio.

Come fare? Ecco un trucchetto facile facile: prima di avventurarvi col coltello nella cipolla, accendete una candela e tenetela accesa finché non avrete finito la vostra operazione di taglio. La candela attirerà a sé ed assorbirà le esalazioni della cipolla e i vostri occhi saranno salvi!