Dimagrire seguendo una dieta equilibrata e senza fare sforzi sovrumani non è difficile come si potrebbe pensare: basta seguire qualche accorgimento, ma soprattutto non saltare pasti, a cominciare proprio dalla colazione!

A quanto pare, però, gli italiani stanno pian piano perdendo questa buona abitudine di iniziare la giornata con un sostanzioso spuntino: in 10 anni coloro che fanno colazione al mattino sono passati dal 92% all’86%; 7 milioni la saltano, ma aumentano quelli che la consumano a casa (+20%), e “meglio”, cioè tutti i giorni e non si limitano a un caffè e via. Le donne amano la colazione più degli uomini e la fanno quasi tutte (91%), solo a casa e tutti i giorni o quasi (88%), mentre gli uomini la fanno più spesso fuori casa e la saltano

Sono i dati dell’indagine Doxa “Io comincio bene” commissionata da Aidepi, Associazione industrie della pasta e del dolce, e presentata a Milano. Il nutrizionista Andrea Ghiselli spiega l’importanza di questo pasto per il nostro organismo: “La prima colazione è un pasto importantissimo, forse il più importante della giornata, perché determina il ritmo fame-sazietà dei pasti successivi: saltare la prima colazione fa malissimo“.

Dalla ricerca emergono anche le diversità di colazione a seconda del sesso e della collocazione geografica: andando verso Sud aumenta l’abitudine sociale a fare colazione da soli, a variarla poco, farla al bar o saltarla. L’antropologo alimentare Sergio Grasso spiega che ciò è dovuto al fatto che al Sud si inizia a lavorare mezz’ora dopo: “I bambini alle 8 devono essere a scuola, fanno prima colazione con la mamma, il papà va a lavorare prendendo semplicemente il caffè“.

A noi italiani, infine, la colazione piace dolce: trionfano i biscotti, scelti da 6 su 10, seguiti da pane e/o fette biscottate con o senza marmellata, miele e creme spalmabili, cereali, merendine e yogurt. Tra le bevande preferiti latte, caffè e cappuccino.