I prodotti usati per la preparazione dei rimedi omeopatici sono piante, minerali, sostanze di origine animale.

Dopo la raccolta della sostanza di base, si procede alla preparazione della tintura madre (TM), immergendo la sostanza in alcol per estrarne i principi attivi; la cintura così ottenuta viene poi progressivamente diluita, procedendo a una vigorosa “succussione” o  “dinamizzazione” dopo ciascuna diluizione (vale a dire dando una serie di energiche scosse al  contenitore): questo aumenta l’efficacia del rimedio.

LE DILUIZIONI OMEOPATICHE

Seguendo il metodo di Hahnemann, la tintura madre viene diluita in scala decimale o centesimale: la prima diluizione decimale, indicata come 1D o 1DH, è ottenuta diluendo una parte di TM in 9 parti di alcol o acqua. Continuando la serie di diluizioni decimali si ottiene la 2D, la 3D,  eccetera.

La prima diluizione centesimale, indicata come 1CH, si ottiene usando 1 parte di TM  99 parti di alcol o di acqua. Continuando la serie di diluizioni centesimali si ottiene la 2CH, la 3 CH e così via. Per ogni diluizione si eseguono almeno 100 succussioni, ovvero scuotimenti, in modo da indurre uno stato di “agitazione molecolare”. Oltre la 12CH, nel rimedio non sono individuabili tracce della sostanza di partenza e, nonostante ciò, l’efficacia non va perduta, anzi: le diluizioni più elevate hanno un’attività più profonda e intensa che le rende indicate per le malattie croniche (per esempio 30CH); in caso di malattia, sono invece indicate le basse diluizioni (per esempio la 3, la 7 o la 9CH).

RIMEDI IN VARIE FORME

-  Granuli: sono piccole sfere di saccarosio e lattosio; è la forma generalmente più utilizzata.

- Globuli: sono serie di dimensioni più piccole rispetto ai granuli, riservate alle diluizioni medie o altre.

- Gocce: hanno una base alcolica e sono riservate solo ed esclusivamente alle basse diluizioni.

COME ASSUMERE I RIMEDI OMEOPATICI

Si assumono per via sublinguale, ovvero ponendoli sotto la lingua. Se somministrato ai lattanti, impreparato sciolto nel latte o in acqua.

INDICAZIONI UTILI

  1. Non bisogna toccare i rimedi con le dita; versare granuli e globuli nell’apposito e lasciarli cadere sotto la lingua.
  2. Assumere i rimedi lontano dai pasti, rispettando la posologia consigliata.
  3. Evitare di assumere sostanze molto aromatiche: menta, liquirizia eccetera interferiscono con i rimedi omeopatici anche se contenute nel dentifricio (in sostituzione, utilizzare dentifrici omeopatici).
  4. Limitare il consumo di alcolici, tabacco e altre sostanze stimolanti.
  5. Informare il medico di un eventuale peggioramento prolungato dopo l’assunzione del rimedio.
  6. Somministrare a i bambini i rimedi omeopatici ad alte diluizioni solo sotto diretto controllo medico.

//