Tanto belle da vedere quanto fastidiose da incontrare: le meduse sono da sempre considerate tra i nemici più temibili dei nostri bagni in mare (guarda il video della ragazza che nuota in mezzo alle meduse). Un’attimo prima stai sguazzando felice nell’acqua e un secondo dopo senti un improvviso bruciore in una parte del corpo per colpa di una puntura inaspettata. Cosa bisogna fare (o non fare) a quel punto? Ecco i migliori metodi per curare le ustioni de medusa (scopri tutte le paure che ci rovinano le ferie):

  • Innanzitutto mantenete la calma il più possibile e cercate di rimanere fermi in modo da non favorire la circolazione del veleno nell’organismo.
  • Evitate di grattarvi, di strofinare della sabbia sulla puntura e di applicare ammoniaca che, contrariamente alle dicerie,  peggiora solo la situazione.
  • Lavate la parte colpita con acqua di mare e se possibile disinfettatela con bicarbonato.
  • Non utilizzate acqua fredda, ghiaccio, aceto o ammoniaca.
  • Evitare di rimuovere i frammenti dei tentacoli con delle pinzette, meglio utilizzare le mani in modo da non lacerare i tessuti e causare la fuoriuscita di tossine dannose.
  • Coprite la parte lesa con una garza medica in modo da evitare ulteriori traumi e infezioni.
  • Recatevi subito da un medico ed evitate di utilizzare pomate antistaminiche o cortisoniche senza il suo parere (scopri come tenerti in forma al mare).

photo credit: alles-schlumpf via photopin cc