L’ondata di afa che ha investito l’Italia in questi ultimi giorni, a quanto dicono i metereologi, è destinata a durare almeno fino alla metà di luglio. È importante, quindi, difendersi dal caldo eccessivo, per evitare dei gravi rischi per la salute.

Il rischio maggiore che si corre in questo periodo è quello della disidratazione a cui tutti sono soggetti, bambini, adulti e anziani, e che può portare a gravi danni per il nostro organismo. Il nostro alleato contro Caronte è l’acqua, che diventa un elemento indispensabile di cui si deve sempre disporre.

La disidratazione è un rischio sottovalutato, al quale spesso non si dà la giusta importanza, ma è sufficiente perdere anche solo il 2% della quantità di acqua contenuta nel nostro corpo per andare incontro a problemi, anche seri, che diventano sempre più gravi con la diminuzione dei liquidi corporei.

I primi sintomi di disidratazione sono una stanchezza anomala, mal di testa, crampi e difficoltà a rimanere concentrati. A livello prettamente fisiologico la disidratazione si manifesta come una ridotta quantità di urina dal colore scuro.

Se questi sintomi vengono ignorati si può incorrere in allucinazioni e perdita di coscienza. Quindi è necessario bere anche se non si sente lo stimolo della sete e scegliere un’acqua ricca di Sali minerali che aiuta a reintegrare gli elementi che si perdono con la sudorazione.