Che abbiate raggiunto il vostro peso forma oppure no, questo è il momento di cominciare a pensare al lavoro di rifinitura perché una pelle liscia e compatta gioca un ruolo fondamentale nell’aspetto della silhouette. Come dire che è meglio qualche chilo di troppo, ma ben spalmati e compatti, che un peso perfetto, ma buchi e avvallamenti cellulitici su gambe e sedere.

Certo, l’ideale sarebbe avere un peso perfetto e una pelle perfettamente liscia e compatta, ma non sempre si può avere tutto e allora a luglio conviene concentrarsi sull’odiata cellulite, anche se questo ci costringere a interrompere la dieta dimagrante.

Perché dimagrimento e riduzione degli inestetismi della cellulite non sempre vanno d’accordo. La cellulite ha cause profonde che attengono al microcircolo, alla salute dei vasi linfatici e venosi, alla ritenzione idrica, alla stipsi e per curarla serve un’alimentazione equilibrata, ricca di antiossidanti, fibre e potassio e povera di sodio.

In pratica tanta frutta, tantissima verdura, molti legumi e grassi vegetali. Inutile dire che molte delle diete proteiche più in voga prescrivono un’alimentazione che esclude gran parte degli alimenti anticellulite. Inoltre, le diete ipocaloriche, in genere, favoriscono la stipsi che è tra le più note concause della cellulite, insieme all’abuso di lassativi per altro.

Proprio per questo le diete troppo rigide, come del resto l’’attività fisica troppo intensa, rischiano di aggravare al posto che risolvere il problema cellulite. Quindi, almeno per quest’ultimo mese prima della spiaggia dimenticate la dieta e pensate a seguire un’alimentazione sana, equilibrata e quanto più naturale possibile. Consolandovi all’idea che si tratta anche dell’alimentazione ideale per preparare la pelle all’abbronzatura (qui per saperne di più)

Da evitare tutti i cibi pronti, in scatola o in conserva che presentano elevate quantità di sodio e un rapporto sodio potassio praticamente invertito rispetto a quello naturale.

Riempitevi invece il piatto con frutta e verdura antiossidante (finocchi, indivia, spinaci, cavolfiori, broccoli, sedano, carciofi, peperoni, carote, pomodori, arance, kiwi, pompelmo, prugne fresche, albicocche, ciliegie e pesche) di cibi ricchi di potassio e di fibre (piselli, patate, lenticchie, cipolla, banane) e di frutti di bosco, primi tra tutti i mirtilli, ricchi di sostanze vasotrofiche e di bioflavonoidi che facilitano il microcircolo. Si anche ad angurie, meloni  ananas e asparagi che favoriscono la diuresi.

Aggiungete una giusta quantita di cereali, possibilmente non raffinati, ricordando che se da un lato sono fonte di fibre, vitamine, sali minerali e di energia, dall’altro tendono a favorire la ritenzione. Mangiateli soprattutto a colazione e pranzo.

Infine come fonti proteiche dovreste cercare di favorire il pesce e la carne bianca, più latticini magri e  qualche uovo. E naturalmente bevete, bevete, bevete: acqua naturale povera di sodio, soprattutto, ed eventualmente centrifugati e spremute di frutta e verdura.

LEGGI ANCHE:
Cellulite: sei rimedi miracolosi a costo zero
Alimentazione per combattere il caldo: fai il pieno di succhi e bevande naturali
Cellulite e ritenzione idrica: curale con l’omeopatia

photo credit: Aproximando Ciência e Pessoas via photopin cc