L’idroponica (dal greco hýdor = acqua + pónos = lavoro) è una tecnica di coltivazione che permette lo sviluppo fuori suolo delle piante. Ciò è possibile grazie all’utilizzo di una soluzione a base d’acqua ricca di sostanze nutritive, da cui le culture ricavano tutto il necessario per uno sviluppo produttivo e rigoglioso. Le piantine devono in sostanza essere ‘piantate’ in un vasetto scuro (così che non faccia passare la luce), contenente un substrato di ancoraggio fatto di argilla espansa, perlite, vermiculite, fibra di cocco, cubetti di lana di roccia, o zeolite, a sua volta posizionato sopra una vasca contenente la soluzione a base d’acqua cui abbiamo poc’anzi fatto riferimento. Per coltivazione idroponica si intende dunque una tecnica di coltivazione attuata in assenza di terriccio e basata sulla somministrazione di una soluzione nutritiva (composta da acqua ed i nutrienti in essa disciolti) che fornisce tutti gli elementi indispensabili per la crescita e sviluppo delle piante.

Tra i vantaggi della coltivazione idroponica, va certamente sottolineata la possibilità di coltivare anche in zone a bassa disponibilità di terreni agricoli, poiché tale tecnica può essere sperimentata efficacemente sia in spazi aperti che chiusi, come anche svilupparsi in orizzontale o verticale, riducendo così i costi per l’approvvigionamento degli ortaggi. Contrariamente a quanto si sarebbe portati a pensare, la coltivazione idroponica  permette inoltre un enorme risparmio d’acqua (fino al 90%) rispetto alle tradizionali tecniche di coltivazione. Questo è possibile grazie a particolari sistemi di recupero delle acque non utilizzate dalle piante, che possono essere così reimmesse in circolo. Trattandosi di coltivazione fuori suolo, l’idroponica non necessita poi di pesticidi, poiché priva di problematiche legate al controllo delle infestanti, determinando così un minor impatto ambientale. Identico discorso per gli antiparassitari, praticamente inutili dal momento che l’assenza di terra riduce enormemente il tasso di malattie e la presenza si parassiti naturalmente presenti nel terreno.