Con il Natale ormai alle porte, il proprio girovita inizia a prepararsi per i chili di troppo che si assumeranno per via le abbuffate programmate a casa di amici e parenti: per smaltire il grasso in eccesso, però, potrebbe bastare un’ora di ballo, che sia latino americano o hip hop.

Come dichiarato dal direttore dell’Università di Parma, Andrea Strata, all’AdnKronos, da novembre a gennaio si metterebbero su in media dai 3 ai 4 chili: secondo lo stesso, la causa sarebbe “un aumento di consumo di alcool, dolci e altri cibi grassi carichi di lipidi. Complice anche il frequente azzeramento di attività fisica, errore in cui si incappa molto facilmente in inverno, a causa del freddo e della mancanza di tempo.” Per questo motivo per tornare in forma e smaltire i chili in eccesso bisognerà tornare prima di tutto ad una dieta equilibrata e un’attività fisica continuativa: secondo lo stesso, infatti, “bastano 40 minuti di passeggiata al giorno. E se si vuole unire l’utile al dilettevole, il ballo è un’ottima soluzione”.

Ballare due volte a settimana permettono di bruciare calorie e smaltire i chili di troppo, “senza avere l’impressione di faticare”: ogni 60 minuti di ballo, infatti, si smaltirebbero ben 600 calorie le quali corrispondono a un’abbondante porzione di lasagne. Ovviamente la sua efficacia varia a seconda della musica scelta: con la danza moderna e quella a ritmo di musica latino-americana si brucerebbero più di 50 calorie ogni 10 minuti, mentre con hip hop e break dance si arriverebbe addirittura a circa 100 calorie ogni 10 minuti.

Grazie all’era delle nuove tecnologie, dove tutto è reperibile online, non è nemmeno necessario iscriversi ad una scuola o un corso di danza: si possono bruciare calorie anche dal salotto di casa propria cercando dei video sul web oppure ricorrendo a giochi come Just Dance. Ovviamente ogni genere musicale possiede le sue “indicazioni”: la break dance, infatti, permetterà di tonificare più muscoli del corpo, mentre il rock’n’roll farà bruciare più calorie, il tango si concentra su glutei e gambe e il latino americano farà svolgere un lavoro maggiore sulla zona degli addominali.