Il “biotipo nutrizionale” descrive il nostro preciso disegno corporeo, la nostra silhouette riflessa allo specchio. La conoscenza del nostro biotipo, però, non ha solo una valenza estetica. E’ essenziale per programmare la dieta e capire in quali parti del corpo è accumulato il grasso e quindi dove dimagrire.

Dotatevi di un comune metro da sarta e misurate la circonferenza ombelicale (ponendo il metro proprio sopra l’ombelico) e dei fianchi (passare il metro sull’articolazione coxo-femorale di entrambi i lati).

Adesso seguite questa divisione:

CIRCONFERENZA VITA Cm / CIRCONFERENZA FIANCHI Cm

Se ottenete un numero inferiore a 0,85 appartenete al biotipo ginoide ormonale.

Se ottenete un numero superiore a 0,85 per le donne o a 0,90 per l’uomo appartenete al biotipo androide vascolare.

Ecco un esempio: se si ha una circonferenza vita di 70 centimetri e una circonferenza fianchi di 95 centimetri, dividendo 70 e 95 il totale sarà di 0,73. Il risultato, quindi, riporta a un biotipo Ginoide perché il risultato è inferiore a 0,80.

Vedremo prossimamente nel dettaglio questi due profili.