Notti insonni trascorse sui libri per preparare un nuovo esame e pochissimo tempo per badare al proprio look: l’universitario si riconosce subito dalla barbetta incolta, lasciata crescere da giorni, o dalla disastrosa rasatura dell’ultimo minuto, per presentarsi in ordine davanti ai professori.

Tuttavia non è detto che uno studente, anche se squattrinato o un po’ svogliato, debba necessariamente rinunciare a una barba in ordine e ben curata o a una rasatura (quasi) perfetta: basterà semplicemente optare per qualche piccola astuzia capace di far risparmiare tempo e denaro!

Ecco allora un breve prontuario per una barba a misura di studente!

  1. Niente barbetta corta!  È un look che va molto di moda ma che può trarre facilmente in inganno: non basta infatti farsi crescere la barba in modo naturale e senza preoccuparsene per esibire la barbetta tanto in voga tra i divi. La barba corta richiede al contrario costanti cure e ritocchi quotidiani… se siete studenti sempre di corsa, scegliete un altro look!
  2. Anni 70. I più volenterosi e pazienti, possono scegliere di farsi crescere la barba ed optare per un mood in stile studente universitario Anni 70. Il vantaggio? Una barba folta, se ben tenuta, potrà aiutarvi a sembrare più maturi e anche più saggi. Tattica ideale per piacere tanto alle ragazze, quanto ai professori dietro la cattedra!
  3. No alla rasatura last minute. Se vi rendete conto che avete pochissimo tempo per radervi prima di uscire, lasciate perdere: meglio una barba trascurata piuttosto che un viso rovinato da taglietti sanguinanti, irritazioni o brufoletti.
  4. Non ridere… sotto i baffi! E’ opinione comune che i baffi denotino una personalità sicura di sé e a volte un po’ presuntuosa. Meglio allora evitare di esibire un bel paio di baffi a manubrio, specie in sede d’esame, per non correre il rischio di sembrare un po’ troppo sfacciati e dunque di essere presi di mira.
  5. Attenzione al profumo! La mattina dell’esame, dopo esservi fatti la barba, siete abituati a spruzzarvi litri di profumo? Pessima abitudine: l’alcol infatti può causare irritazioni e infiammazioni piuttosto anti-estetiche, senza contare che una profumazione troppo forte può essere sgradevole per chi vi sta vicino.
  6. Il rasoio giusto. Se non avete mai tempo, meglio evitare il rasoio manuale: la scelta migliore è utilizzare quello elettrico, come il nuovo Braun Beard Trimmer, adatto anche in caso di pelle delicata. Non ce l’avete? Ecco allora il regalo giusto da farsi fare alla prossima occasione!
  7. Acqua fredda. Se dopo la rasatura sentite di avere la pelle irritata, inutile cercare di rubare la crema idratante della mamma e o della sorella pensando possa fare miracoli. Utilizzare il prodotto sbagliato, infatti, può accentuare l’irritazione. Meglio passare dell’acqua fredda o un impacco ghiacciato.
  8. Mai alla sera. Infine è bene evitare anche di farsi la barba alla sera pensando così di portarsi avanti e risparmiare tempo al risveglio. Il momento migliore per radersi è infatti la mattina, quando la pelle è più riposata e meno tesa.

Basteranno queste semplici regole per non dover più sbuffare davanti allo specchio, esclamando: “che barba!”

Pubbliredazionale