Irf4, è questo il nome del gene che sarebbe il responsabile dei capelli grigi. Il gene in questione si occuperebbe di regolare tutte le caratteristiche di sopracciglia, barba e capelli andando ad incidere, quindi, anche su colore, spessore e forma. L’Irf4 sarebbe dunque il vero responsabile dei capelli grigi e questi ultimi non sarebbero affatto una conseguenza di altre problematiche, come ad esempio quelle legate all’ambiente. O almeno questo è quanto affermano i ricercatori dell’University College di Londra.

Cosa significa tutto questo in sintesi? Che i capelli grigi, in realtà, sarebbero la conseguenza di un processo genetico e non ambientale, ossia tutto il contrario di quanto sarebbe stato sostenuto fino alla comparsa dei risultati di questa ricerca. E se i geni collegati a calvizia e colore dei capelli erano già noti da tempo, il gene che provoca i capelli grigi – ossia l’Irf4 – sarebbe stato localizzato soltanto adesso. I ricercatori avrebbero scoperto anche altri geni, responsabili di caratteristiche quali densità e forma dei capelli.

L’Irf4 era noto per alcune sui funzioni sul colore della chioma ma finora il suo influsso sull’ingrigimento dei capelli era rimasto ignoto. I ricercatori britannici ritengono che sia il gene Irf4 sia tutti gli altri che sono stati scoperti lavorino insieme e che probabilmente sono responsabili di altri fattori ancora da scoprire. Conoscere questi geni potrebbe in qualche modo tornare utile per sperimentare terapie che consentano di contrastare i capelli grigi o di prevenirli.