La candeggina rappresenterebbe un potenziale pericolo per la salute dei bambini: l’esposizione a questo prodotto, da parte dei più piccoli, potrebbe infatti provocare infezioni alle vie respiratorie oppure ad altre infezioni. A rivelarlo è lo studio pubblicato da un gruppo di ricercatori della Public Health and Primary Care di Lovanio (in Belgio) e pubblicato sulla rivista scientifica Occupational and Environmental Medicine.

I ricercatori hanno condotto lo studio sugli effetti della candeggina su circa novemila bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni. I bambini frequentano le scuole di vari Paesi e gli istituti coinvolti sono stati diciannove in Olanda, diciassette in Finlandia e diciotto a Barcellona (in Spagna). Gli esiti sono stati agevolati chiedendo ai genitori dei piccoli di compilare un questionario e di rispondere, di volta in volta, a domande sul numero della frequenza di casi di influenza, tonsillite, sinusite, bronchite, otite e polmonite eventualmente vissuti dai loro figli nel corso dei precedenti dodici mesi.

Contestualmente alla compilazione dei questionario, i ricercatori hanno chiesto ai genitori se avevano utilizzato la candeggina per pulire la propria casa e se l’avessero fatto almeno una volta la settimana. Le scuole interessate non sono state scelte a caso poi: in Spagna l’uso della candeggina per pulire gli istituti è abbastanza frequente mentre non lo è affatto in Finlandia. Ebbene, al termine dello studio, i ricercatori sono giunti alla conclusione che i bambini maggiormente esposti alla candeggina avevano un rischio del venti per cento in più di soffrire di influenza e del trentacinque per cento in più di avere un episodio di tonsillite.