Abbiamo già visto che le terapie alternative come l’agopuntura siano un valido aiuto per i numerosi effetti collaterali causati dalle terapie convenzionali per il cancro. Ma l’aiuto della medicina naturale va più in là e consente di trattate sintomi specifici e di dare sollievo in una quantità elevatissima di situazioni. Ne sono un esempio le tecniche di bodywork come il linfodrenaggio, il massaggio e la digitopressione.

LINFODRENAGGIO

La terapia chirurgica e la radioterapia, per esempio nel caso della mastectomia (asportazione della mammella) parziale o totale, comportano di frequente il danneggiamento o la rimozione delle ghiandole linfatiche dell’ascella. Venendo a mancare il drenaggio naturale, il braccio gonfia (edema) a causa dell’accumulo di liquidi. Per risolvere rapidamente questa situazione, si può ricorrere al linfodrenaggio manuale, che si pratica con una tecnica specifica di massaggio dolce. I pazienti possono rivolgersi a tale proposito dei terapeuti dell’ospedale.

MASSAGGIO

Diversi studi di ricerca confermano che il massaggio, praticato magari con l’uso di oli essenziali, porta benefici ai pazienti affetti da cancro: allevia il dolore, riduce l’ansia e la depressione e favorisce il senso di benessere.

Uno studio condotto nel 2000 ha preso in esame dei bambini leucemici, massaggiati dai genitori che erano stati opportunamente istruiti sulle tecniche di base del massaggio. Sia i bambini che i genitori hanno riportato una diminuzione dell’ansia e dei segni di stress. I genitori, in particolare, hanno trovato nel massaggio l’opportunità di sentirsi maggiormente partecipi alla cura dei figli.

In un altro studio, donne affette da cancro alla mammella allo stadio iniziale sono state sottoposte a massaggio 3 volte la settimana per 5 settimane. Hanno riferito una notevole diminuzione dell’ansia e in molte di esse si è riscontrato l’aumento del numero delle cellule immunitarie benefiche. I ricercatori hanno dichiarato che “i meccanismi alla base del miglioramento della funzione immunitaria possono essere legati alla diminuzione del cortisolo, ormone dello stress cui si attribuisce la capacità di distruggere le cellule immunitarie [...]. Questo fenomeno potrebbe produrre un miglioramento nella qualità di vita dei pazienti e forse accrescere le loro possibilità di sopravvivenza”.

DIGITOPRESSIONE

Per alleviare la nausea che spesso è causata dalla chemioterapia e dagli anestetici si può ricorrere alla digitopressione del punto 6MC dell’avambraccio.