Lapatinib e Trastuzumab, sono questi i nomi dei due farmaci in grado di ridurre il cancro al seno in soli undici giorni di trattamento. Ad annunciarlo presso l’European Breast Cancer Conference ad Amsterdam sono stati alcuni ricercatori britannici, che hanno definito assolutamente sorprendenti i risultati degli studi condotti. Il mix di farmaci testato su oltre duecentocinquanta volontarie avrebbe ridotto o addirittura eliminato il cancro al seno in poco più di dieci giorni, evitando ad alcune pazienti di doversi sottoporre a chemioterapia.

I due farmaci individuati dai medici che hanno svolto lo studio sarebbero in grado di andare a bersagliare il punto debole presente nella massa tumorale di almeno un cancro al seno su dieci. La ricerca e i suoi esiti aprirebbero dunque le porte a quello che si potrebbe definire come un trattamento personalizzato del tumore alla mammella.

I farmaci utilizzati dai medici britannici sarebbero particolarmente efficaci contro il cancro al seno scatenato dalla proteina Her2, che ne alimenta la crescita in alcuni tipi di tumore. In alcune donne la risposta al trattamento sarebbe stato talmente efficace da aver completamente rimosso la massa tumorale.

Stando agli studi effettuati fino a questo momento, il trattamento terapeutico avrebbe mostrato la sua efficacia soprattutto su donne con cancro al seno Her-2 positivi e masse tumorali che andavano da un minimo di uno ad un massimo di tre centimetri di grandezza. E ad undici giorni di distanza dall’inizio della terapia, il tumore era scomparso nell’11 per cento dei casi mentre nel 17 per cento dei casi si era rimpicciolito fino a 5 millimetri. Gli studi proseguiranno adesso per capire se il trattamento sia in grado di essere efficace anche contro eventuali recidive e che lo stesso non ne provochi.