Tra la notte di sabato 24 e di domenica 25 ottobre le lancette degli orologi dovranno essere spostate di un’ora indietro. Il cambio ora ci farà passare da quella legale a quella solare e ci permetterà di dormire un’ora in più, almeno la mattina di domenica 25. L’ora solare resterà pi in vigore fino al prossimo 27 marzo 2016, quando si tornerà a quella legale.

Il cambio di ora, che avviene a partire dalle ore 3:00 di domenica 25 ottobre, è solitamente privo di conseguenza sulla salute umana ma qualcuno, più sensibile, potrebbe comunque accusare dei piccoli disturbi che poi tendono a scomparire nel giro di qualche giorno, giusto il tempo di far abituare l’organismo al nuovo orario.

Cambio ora solare: effetti e consigli

Se è vero che si potrà dormire un’ora in più, è anche vero che avremo a disposizione un minor numero di ore di luce e che il buio inizierà molto prima. È soprattutto quest’ultimo avvenimento che potrebbe provocare, nei più sensibili, cambiamenti di umore e senso di spossatezza generale. Piccoli disturbi che potrebbero poi andare ad inficiare le attività che si compiono quotidianamente, rendendo tutto molto più pesante e fastidioso da fare.

Un minor numero di ore di luce potrebbe significare malinconia, tristezza e malumore per i più così come potrebbe incidere negativamente su coloro che presentano già disturbi del sonno e che potrebbero faticare maggiormente ad adattarsi al cambio ora. Come già detto però, è tutta questione di adattamento e di impostare nuovamente le proprie abitudini: tempo massimo due tre giorni e tutto dovrebbe tornare alla normalità. Se si hanno problemi di sonno o di malumore ci si può aiutare con delle tisane rilassanti o con attività fisica, che aiuta a scaricare la negatività.

Cambio ora solare: come abituarsi

Per abituarsi più in fretta al passaggio da ora legale a ora legale, si possono seguire questi pratici consigli:

  1. se si sa già in partenza che il cambio di ora crea forti disagi, affrontare la situazione grazie all’ausilio di un esperto;
  2. abituarsi un passo dopo l’altro, magari preparandosi in anticipo al cambio di ora (andando a letto prima nei giorni precedenti e alzandosi un po’ più presto al mattino);
  3. praticare attività fisica aerobica;
  4. mantenere un regime alimentare sano, con pasti leggeri;
  5. evitare di mangiare poco prima di andare a letto, per evitare di avere difficoltà a prender sonno;
  6. fare attività fisica al mattino presto.