CAFO sta per Concentrated Animal Feeding Operations. Ovvero per le operazioni che vengono effettuate nelle fabbriche-lager dove si pratica l’allevamento intensivo degli animali. Non solo mucche e bovini, ma anche maiali, polli, ovini e pesce. E’ nelle “fabbriche CAFO”, tutte quelle che trattano l’animale come una cosa e non come un essere vivente, che vengono prodotti la maggior parte delle nostre carni, latte, uova, pesce e tutti i loro derivati.

Come mostrano le fotografie e i saggi raccolti in questo libro, la crescita delle industrie CAFO è diventata una delle grandi questioni del nostro tempo. Non solo per le ripercussioni che il mangiare questi cibi comporta per la nostra salute (oggi la maggior parte delle malattie diagnosticate derivano dal modo in cui ci nutriamo), ma anche per l’impatto ambientale che queste fabbriche hanno, con le emissioni di gas inquinanti e gli scarichi dei liquami nelle acque.

La concentrazione di migliaia di animali in posti così ristretti ed in condizioni igieniche orribili comportano l’uso di fortissimi antibiotici che finiscono poi nelle carni e nei prodotti di cui ci cibiamo. Quindi, non solo ci nutriamo di animali malati, ma anche di carni contaminate e fortemente sottoposte a trattamenti medici persistenti.

La stessa filosofia CAFO, oltre che ad essere inumana e crudele, non fa bene neanche e a noi e all’ambiente. Insomma, questo libro vi farà vedere che cosa mangiate ogni giorno. E non sarà una bella sorpresa.