Sono giorni piuttosto importanti per quanto riguarda il contrasto delle false cure che spesso mettono in serio rischio la salute dei cittadini, fino alle conseguenze più gravi (anche la morte di chi vi ricorre). Dopo l’appello di Umberto Veronesi, che si è scagliato contro coloro che si approfittano dei momenti di debolezza dei malati per proporre cure che non sono affatto riconosciute dalla medicina ufficiale e dopo due recenti casi di cronaca che hanno visto morire due giovani donne malate di cancro che avevano rifiutato la chemioterapia per affidarsi a cure alternative, il mondo dei medici è pronto a mobilitarsi contro le false cure e le bufale mediche.

A tal proposito tra circa due mesi dovrebbe essere attivo il sito Attenti alle bufale, lanciato proprio dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri. Tale sito dovrebbe prefiggersi lo scopo di informare ed allertare i cittadini in merito alle false cure proposte da quelli che potrebbero essere definiti come ciarlatani e che sempre più spesso si muovo proprio sulla rete per diffondere bufale e cure del tutto inefficaci se non addirittura pericolose.

Oltre alle bufale e alle false cure che circolano sul web, il rischio più concreto dello strumento internet, in mano a chi ha problemi di salute o pensa di averli, è infatti proprio quello di imbattersi in informazioni del tutto errate, false o non attinenti al caso concreto. Insomma, mai affidarsi al fai da te ma rivolgersi prima di tutto ad un medico specializzato e qualificato.