Prima è toccato a Ginger, un cane di quattordici anni che ha sviluppato improvvisamente insufficienza renale. Poi è toccato a Bella, di appena due anni, che ha passato una settimana in agonia prima di soccombere all’insufficienza renale. Questi due cuccioli sono diventati le facce di una misteriosa epidemia che negli Stati Uniti ha colpito (e ucciso) 600 cani, lasciando i loro padroni attoniti ed infuriati.

Infuriati perché la MSNBC ha individuato la causa di queste morti canine in diversi marchi di bocconcini di pollo made in Cina. Le possibili fonti di contaminazione arrivano dai prodotti chiamati Waggin’ Train e Canyon Creek Ranch, entrambi prodotti dalla Nestle Purina PetCare Co., e Milo’s Kitchen Home-style Dog Treats, prodotti dalla Del Monte Corp.

La FDA non ha ancora individuato la causa scatenante dell’insufficienza renale nei cani, anche se la stessa FDA aveva avvertito già tre volte dal 2007 a oggi i possessori di cani riguardo i dubbi sui bocconcini per cani.

Robin Pierre, la padroncina di Bella, è comunque convinta che la causa della morte della sua cagnolina – giovane e perfettamente in salute – sia da addebitare ai bocconcini della Nestlé, e da quando Bella è morta è diventata la cofondatrice di “Animal Parents Against Pet Treats Made in China” (I “genitori” degli animali contro i bocconcini prodotti in Cina.”)

Come Robin, anche Susan Rhodes – la “mamma” di Ginger – ha lanciato una petizione domandando che la FDA richiami i bocconcini sotto accusa. “Continuerò a fare pressioni sulla FDA finché non si decideranno a ritirare dal mercato tutti i prodotti dannosi per la salute degli animali,” ha detto Susan battagliera.

Occhio dunque al cibo industriale che comprate per i vostri cuccioli: in mancanza di avvertimenti sull’etichetta del prodotto, guardate sempre la provenienza e chi li produce.