Il disturbo della bocca amara è molto frequente, esso può essere sintomo di numerose patologie, ma anche causato da una scorretta alimentazione, assunzione prolungata di farmaci, inadeguata igiene orale, gravidanza, alterazioni ormonali in genere, o più semplicemente cattiva digestione.

Il persistente e sgradevole sapore in bocca, amaro e metallico, è detto disgeusia. Essendo numerose le cause che ne determinano la comparsa, in alcuni casi il disturbo può essere facilmente trattato e rimosso, in altri casi può essere sintomo di patologie (anche gravi) e pertanto è su di esse che bisogna intervenire.

Alcuni farmaci che possono causare cattivo sapore in bocca sono: antibiotici, medicine per il cuore e la pressione arteriosa, farmaci antitumorali, farmaci per l’ipertiroidismo, per il diabete, medicinali per il bruciore di stomaco, per l’osteoporosi, integratori di vitamina D e farmaci per l’insonnia. Le gengiviti, infezioni delle gengive, ascessi dentali e piorrea (disturbo del tessuto di sostegno dei denti) sono altre possibili cause del gusto amaro in bocca, come anche un deficit di vitamina B-12, il reflusso acido e alcune fasi della gravidanza. Esistono tuttavia alcuni semplici rimedi che possono essere utilizzati per alleviare o addirittura risolvere il problema.

Rimedi naturali per la bocca amara

Accertata l’assenza di cause patologiche specifiche, il fastidio della bocca amara può essere contrastato con i rimedi naturali. Vediamo come:

Tarassaco: pianta ad azione depurativa per fegato e colecisti, assunto sotto forma di decotto aiuta la digestione e  ripulisce l’organismo.

Carciofo: indicato in caso di bocca amara in associazione a calcoli della colecisti; svolge inoltre una funzione protettiva verso il fegato e ne migliora la funzionalità. Si può assumere sotto forma di integratore o come tisana, da assumere lontano dai pasti.

Ortica: le sue proprietà depurative, colagoghe e diuretiche ne fanno un ottimo rimedio contro i problemi di insufficienza biliare o legati alla colecisti . L’infuso si ricava con 2 o 3 cucchiai di foglie in mezzo litro d’acqua. Portare ad ebollizione, quindi filtrare il tutto. Assumere lontano dai pasti ed a stomaco vuoto, tre volte al giorno.

Bardana: come l’ortica, diuretica e depurativa, a livello intestinale, combatte gli effetti esfolianti a carico della mucosa.

Rosmarino: pianta dalle spiccate proprietà colagoghe-coleretiche, antitossico epatico e protettore della cellula epatica.

Genziana: ha anch’essa proprietà digestive e depurative, ma è anche uno stimolante del sistema immunitario.

Cardo mariano: prezioso in particolare nelle disfunzioni epatiche. Il suo estratto è usato per migliorare la funzione epatica, proteggere contro i danni al fegato e accelerare la rigenerazione delle cellule epatiche danneggiate, ma anche come stimolante dell’attività gastrica, diuretico e regolatore degli ormoni femminili.

Igiene orale contro il disturbo da bocca amara

Il benessere fisico di tutto il corpo passa anche attraverso una bocca sana. Bastano poche e semplici azioni quotidiane per prevenire molti problemi legati a denti e gengive, che, se non curati, possono avere ripercussioni sul benessere generale di tutto l’organismo. La principale azione preventiva per una corretta igiene orale è la pulizia quotidiana dei denti. E’ infatti buona norma lavarsi i denti almeno tre volte al giorno dopo i pasti principali. Oltre allo spazzolino, è consigliato l’uso di un colluttorio (almeno due volte al giorno) e filo interdentale (almeno tre – quattro volte a settimana).

Alimentazione

Se il cattivo gusto in bocca è il risultato della cattiva digestione, è opportuno prestare attenzione a quello che si mangia. Evitare cibi grassi, speziati, piccanti e fritti, assicurandosi di mangiare piccole porzioni alla volta è il primo passo da compiere. È inoltre importante masticare bene il cibo e mangiare lentamente. Assumere cibi che aumentano la salivazione, come pompelmo e arance, è poi un ottimo modo per eliminare il gusto amaro o metallico in bocca. E’ consigliabile anche inserire nella propria dieta quotidiana yogurt e/o fermenti lattici, per favorire la corretta peristalsi intestinale; abolire fumo e alcool; mangiare molta verdura ed evitare gli alimenti che favoriscono l’acidità gastrica come cioccolato, pomodoro, aglio e cipolla. L’acqua è infine una buona cura per eliminare le tossine in bocca e per ridurre gli acidi nello stomaco che provocano la bocca amara. E’ possibile dunque provare ad aumentare l’assunzione giornaliera di liquidi (almeno 2 litri).