Nuovi problemi per chi ha deciso di vaccinarsi contro l’influenza che sta per arrivare. Il Ministero della Salute e l’Aifa hanno disposto un ulteriore divieto di commercializzazione per alcuni vaccini antinfluenzali Novartis.

Nello specifico, la nota del Ministero dice:

Ai cittadini è richiesto di non acquistare né utilizzare tali vaccini fino a nuova comunicazione.

Sono quattro i vaccini bloccati, circa  500 mila dosi: Agrippal, Influpozzi sub unità, Influpozzi adiuvato e Fluad. La motivazione del divieto cautelativo viene dall’Aifa:

sulla base della documentazione presentata dall’azienda, ha stabilito la necessità di ulteriori verifiche circa la qualità e la sicurezza degli stessi, dal momento che questi potrebbero presentare una aumentata reattogenicità, cioè la capacità di indurre effetti collaterali e reazioni indesiderate. Mancano elementi sull’esatta composizione degli aggregati e sull’impatto del difetto sulla qualità, sulla stabilità del vaccino e di conseguenza sulla sicurezza.

I nuovi vaccini bloccati, insieme a quelli già vietati dell’azienda olandese Crucell, pongono seri problemi alla partenza della campagna di vaccinazione, in quanto mancherebbero all’appello circa 8 milioni di dosi, due terzi di quelle necessarie a vaccinare tutte le categorie a rischio.

Un problema che riguarda tutti i cittadini che, come consiglia lo stesso Ministero della Salute, sono tenuti a controllare la provenienza del vaccino e, in caso di dubbi, possono, sia prima che dopo la somministrazione del vaccino, possono contattare il proprio medico o la propria Asl, o direttamente la Novartis all’indirizzo e-mail medinfo.sc@novartis.com.