Per quanto possa sembrare strano la birra e il latte, nonostante siano considerate due bevande da evitare o da assumere in quantità molto limitata durante una dieta, sembrano possedere il segreto della magrezza.

Lo rivelano due studi, uno svizzero dell’Ecole Polytechnique Federale di Losanna e uno americano, condotto dai ricercatori del Weill Cornell Medical College di New York.

In base a quanto hanno scoperto gli esperti, la birra e il latte contengono una particolare molecola, la nicotinamide riboside, che avrebbe un effetto anti-obesità.

Per arrivare a questa conclusione è stato condotto un esperimento su cavie da laboratorio alle quali è stata somministrata una dieta ad alto contenuto di grassi. Ad un gruppo, però, il mangime è stato integrato con questa molecole e i topi così alimentati sono ingrassati del 60% in meno rispetto a quelli del gruppo di controllo.

La nicotinamide riboside è una vitamina che agisce come un potente antiossidante che migliora l’attività dei mitocondri, le parti delle cellule che regolano l’invecchiamento, creando una sinergia particolare per cui riuscirebbe a scongiurare il rischio di obesità e di diabete e sembra avere anche degli effetti particolarmente positivi sulle fibre muscolari.

Prima di brindare, però, occorrerà aspettare ancora un po’ in quanto i ricercatori non hanno ancora definito le quantità di questa vitamina necessarie ad apportare gli effetti benefici.