È stata presentata la nuova birra con grano saraceno prodotta dal Crea e dal suo Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, in collaborazione con l’Università di Viterbo, che l’ha creata nell’ambito del progetto Alimed, cui ha contribuito con i finanziamenti anche il ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. La nuova birra con grano saraceno è stata ricavata dal 90 per cento da grano saraceno tartarico. Quest’ultimo è un particolare tipo selvatico di grano e dispone di importanti sostanze antinfiammatorie e antiossidanti: rutina e quercetina.

Si tratta di proprietà che potrebbero apparire assai appetibili per gli sportivi, che in genere tendono a fare a meno degli alcolici ma che in questa birra con grano saraceno potrebbero invece trovare il giusto compromesso tra l’essere sportivi e il non rinunciare a qualche piccolo piacere per il palato. Questa birra con grano saraceno, proprio grazie alle sostanze in essa contenute, è infatti in grado di contrastare lo stress ossidativo che in genere si verifica o dopo un prolungato sforzo fisico (quale può essere quello sportivo, ad esempio) oppure dopo un pasto troppo ricco.

Per cercare di capire se questa nuova birra con grano saraceno potesse effettivamente avere le proprietà appena indicate, i ricercatori l’hanno testata proprio sugli sportivi, in quanto soggetti più facilmente sottoposti a stress ossidativo. Al termine dei test, gli sportivi che hanno consumato la birra con grano saraceno hanno fatto registrare un aumento della produzione di citochine, molecole in grado di riparare i danni subiti dall’organismo a causa dello sforzo prolungato. Ma non solo, oltre a questo avrebbero anche fatto rilevare un calo nei livelli di colesterolo.