Il suolo è composto sia da materie minerali, che provengono dalla degradazione della roccia originaria (la roccia madre del sottosuolo), sia da materie organiche che derivano da piante e animali. Una buona terra da giardino è costituita da circa il 95% di sostanze minerali e del 5% di materie organiche. Una terra fertile è un ambiente di incredibile ricchezza, in perpetua evoluzione.

I GEOBIONTI

Tutti gli animali che vivono nel terreno, se ne nutrono e lo trasformano, sono definiti geobionti: alcuni di questi sono visibili a occhio nudo. In particolare sono visibili:

  • i lombrichi, più di 100.000 ogni ara ( ioè ogni 100 m quadri), che migliorano la fertilità del suolo attraverso le innumerevoli gallerie e le loro secrezioni;
  • e gli artropodi (onischi, millepiedi, ragni, collemboli…) che, al riparo sotto le foglie morte, demoliscono la materia organica; i loro escrementi forniscono un supporto ideale per la vita microbica.

Esiste poi il mondo invisibile dei microrganismi:

  • i batteri (da 100 milioni a 1 miliardo per ogni grammo di terra), sono in grado di trasformare tutte le sostanze del suolo per farle rientrare nel ciclo del vivente;
  • i funghi microscopici (i 2/3 della biomassa microbica del suolo), gli unici capaci di decomporre la lignina delle piante, la principale fonte di humus.

Vedremo prossimamente come questi piccolissimi organismi diventeranno nostri alleati nella coltivazione biologica del suolo.