Il bello della scienza e dei numerosi studi che ogni giorno vengono compiuti o svelati, è che di tanto in tanto alcune di quelle che sembrano certezze acquisite vengano messe in dubbio. Oggi è il caso di uno studio fatto negli Stati Uniti, in cui si afferma che bere molta acqua non è dannoso ma in compenso è inutile!

Se fino a ieri eravamo quindi abituati a sentirci dire che bere molta acqua fa bene, perché aiuta a depurare il corpo, perché permette di liberarci dei liquidi in eccesso, perché l’idratazione è fondamentale per l’organismo… oggi tutte queste verità vengono messe in dubbio, a favore di un’altra verità, secondo cui bere molta acqua non serve proprio a nulla.

A smontare il dogma del “bere molta acqua fa bene” è stato il New York Times, che ha pubblicato un lungo articolo in cui ha provato a smantellare quello che fino al momento era apparso come una verità quasi inattaccabile. Il pezzo è stato scritto da un docente di medicina che insegna all’Università dell’Indiana (negli Stati Uniti appunto): al suo interno si affermerebbe che bere almeno otto bicchieri di acqua al giorno per stare bene è in realtà un mito che non avrebbe fondamento scientifico e che farlo non significa mettersi al riparo dalla disidratazione provocata dal caldo sempre e comunque.

L’autore dell’articolo specifica che se è vero che servirebbe almeno un litro e mezzo di acqua al giorno, è pur vero che gran parte di questa acqua viene ingerita anche attraverso gli alimenti. In più, sempre secondo lui, non sarebbe mai stato provato scientificamente che chi beve molta acqua stia meglio di chi ne beve meno.