I battiti cardiaci vengono conteggiati dai medici al minuto e si tratta spesso di un aspetto molto importante per rilevare diverse patologie. Il battito può essere misurato in diverse zone, come il collo, la tempia, il polso, il retro delle ginocchia e la caviglia. I battiti, per essere considerati normali, non devono superare i 70 battiti al minuto. Al di sopra i battiti vengono considerati alti e rendono il paziente più esposto al rischio di incorrere in un infarto. In questo caso bisogna subito contattare il medico.