Grafici pubblicitari o copywriter che siano, gli uomini abituati a vivere della propria creatività si riconoscono subito per quel particolare guizzo fuori dalle righe che colpisce al primo sguardo: su di loro, infatti, qualsiasi cosa sembra trasformarsi in un’opera di design. Barba e baffi compresi.

Guardando alla storia, gli esempi illustri non mancano: dai baffi artistici e surreali del grande Salvador Dalì, eclettico pittore dalla visionaria fantasia, alla barba folta (e colta) di Ernest Hamingway, diventata quasi il simbolo dello scrittore romanziere per eccellenza, fino al pizzetto scolpito ad arte del poeta Gabriele D’Annunzio.

Non stupisce, dunque, che ancora oggi sia proprio la barba a raccontarci il mondo delle nuove leve di creativi, con uno stile così di tendenza da aver conquistato anche star e volti noti del cinema e della tv.

È l’esercito degli hipster, termine coniato già negli anni Quaranta per descrivere certi appassionati di musica jazz e che, oggi, distingue una generazione che punta tutto su uno stile ricercato e anticonvenzionale, anche e soprattutto per ciò che riguarda barba e baffi.

Decisamente folta, piuttosto lunga e spesso arruffata ad arte per aumentarne l’effetto crazy, la barba hipster sembra molto naturale, ma in realtà richiede cure e attenzioni assolutamente particolari: non è un caso, infatti, che negli ultimi anni le principali città internazionali abbiano visto la nascita di veri e propri saloni, dal suggestivo arredo retrò, dedicati proprio alla cura della barba.

Se l’hipster style affascina anche voi, non dimenticate però le regole di base:

  • Il primo step, naturalmente, è far crescere la barba: vietato sottovalutare questo passaggio, perché richiede molta pazienza e qualche piccolo fastidio, come il prurito, che potrete arginare con creme lenitive come quelle destinate alla pelle dei neonati.
  • La barba hipster, dicevamo, è molta folta: per far crescere i peli sani e forti, allora, un’attenzione speciale andrà dedicata all’alimentazione, che deve essere ricca di Vitamina A, presente in carne, uova e formaggi, vitamina E, dunque verdure a foglia verde e frutta secca, e infine acido folico che trovate, per esempio, nei cereali, negli agrumi e nei carciofi.
  • Una volta cresciuta la vostra super barba hipster, è d’obbligo definire i contorni con la massima cura, con uno styler di precisione come il nuovo Braun Beard Trimmer, e soprattutto usare i prodotti giusti per mantenerla morbida e pulita. Shampoo e balsamo, ma anche un olio per renderla lucente ed eliminare eventuali nodi. Infine, da portare sempre con sé, l’immancabile spazzolina per pettinarla almeno due volte al giorno.

Perché in fondo essere creativi è una questione di testa… ma anche di barba.

Pubbliredazionale